“Vietato fumare” sul treno proiettile giapponese: ora servirà solo per le riunioni su Zoom

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:57

Vietato fumare sul treno giapponese N700S, uno dei più veloci al mondo. La nicotina lascia spazio alle conferenze su Zoom. 

Il treno giapponese più veloce al mondo – MeteoWeek.com

Dall’anno scorso a questa parte è stato posto il divieto di fumare nei treni Shinkansen e si è pensato di trasformare gli spazi in piccoli uffici per le videoconferenze su Zoom.

Shinkansen N700S è il nome di uno dei treni giapponesi più veloci al mondo, definiti appunto “treni proiettili”, in grado di raggiungere i 360 Km/h (ma che si appresta a non superare i 280 Km/h per motivi di sicurezza) e di resistere anche ad un terremoto.

Il primo prototipo risale alla primavera del 2005 a cui sono seguiti tutti i  test necessari su prestazioni e sicurezza. I treni sono entrati in servizio ufficialmente il 1º luglio 2007.

Sembra fantascienza manga, ma è pura realtà. Negli ultimi anni il Giappone ha vissuto un’evoluzione tecnologica senza precedenti. Quest’ultimo gioiello è più leggero di 11 tonnellate rispetto alla generazione precedente di N700 e N700A e garantisce un risparmio energetico del 7% a parità di velocità.

LEGGI ANCHE: Dalla Cina un treno a levitazione magnetica che raggiungerà gli 800 km/h

All’interno, tutto è disegnato per un’ atmosfera morbida e rilassante e un’esperienza unica nel suo genere: WiFi a bordo offerto al doppio della velocità per garantire una migliore connessione video, la compagnia offre in dotazione mouse e proteggi schermo per massimizzare la privacy, nuovo rivestimento dei sedili e design innovativo che consente ai passeggeri di reclinarsi più del solito, prese elettriche per ciascuna postazione e un ambiente più curato nei dettagli.

All’esterno, nuovi fari, nuova illuminazione LED, impianto frenante più efficace (a 270 km/h lo spazio di arresto è di 400 m, contro i 4 km dei precedenti convogli), un sistema di rilevamento delle vibrazioni dei carrelli e dei miglioramenti al sistema ATC (sistema di sicurezza che controlla automaticamente la velocità del treno, così da rispettare tutte le restrizioni della linea ferroviaria).

Lo Shinkansen si è dunque presentato ai viaggiatori con gli S-Work vehicle destinati a chi ha necessità di lavorare da remoto. Il servizio è offerto dalla Central Japan Railway Company e disponibile per le tratte Tokyo-Nagoya (e ritorno) e Tokyo-Osaka (e ritorno).

L’aspetto interessante è che il sito della compagnia afferma espressamente che è consentito produrre del rumore, se pur contenuto. Ci si riferisce per di più al suono dei tasti premuti e la voce durante le videoconferenze.

LEGGI ANCHE: L’Italia pensa ai treni a levitazione magnetica: stretto un accordo per la tecnologia Magrail

Inoltre la compagnia ha previsto delle agevolazioni per chiunque debba partecipare a una videocall su Zoom o su servizi simili mentre è in attesa in stazione. Si potrà infatti prenotare una cabina all’interno della quale non disturberà nessuno.

E’ dotato inoltre di un sistema di auto-propulsione a batteria agli ioni di litio: in caso di mancanza di corrente, si sposta a bassa velocità in un luogo più sicuro se bloccato in un’area ad alto rischio, ad esempio su un ponte o in un tunnel durante un terremoto.

I portabagagli sopraelevati vengono illuminati ad ogni fermata per ricordare ai passeggeri le loro cose. A questo modello sono state aggiunte anche altre aree di deposito solo su prenotazione per bagagli extra-large. Infine, un nuovo sistema di sospensioni attive aiuta ad assorbire i movimenti del treno che saranno più silenziosi e fluidi.

Qui di seguito un video mostra il treno N700S in funzione in una normale giornata di lavoro.