Home News FitBit: ora avrete a che l’ECG dopo l’ultimo aggiornamento

FitBit: ora avrete a che l’ECG dopo l’ultimo aggiornamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:30

Finalmente Fitbit ha attivato la funzione ecocardiogramma. La novità è disponibile anche in Italia.

Su Fitbit arriva l’ECG. Funzione disponibile anche in Italia – MeteoWeek.com

Fitbit si aggiorna per la nostra salute

Fitbit ha aggiunto la funzione per avere un ecocardiogramma con rilevamento della fibrillazione atriale, direttamente sul Charge 5. Il wearable ci permette anche di avere sottomano il livello di recupero giornaliero, l’ideale per tutti gli sportivi, che ci avvisa se e quando siamo pronti ad affrontare un nuovo allenamento.

Vediamo la nuova funzionalità più da vicino

La funzione ECG, così come l’indice di recupero saranno disponibili tramite una nuova app sul display di Charge 5 e compariranno dopo il necessario aggiornamento del firmware. Una volta aggiornato, Fitbit potrà rilevare una fibrillazione atriale e produrre un tracciato ECG da condividere in formato PDF con il proprio medico.

Un esempio di report dopo il rilevamento di una fibrillazione atriale – MeteoWeek.com

L’app Fitbit ECG analizza la lettura e mostra i risultati sul display del Fitbit, ma possono essere consultati anche su smartphone e tablet.

Ma come si utilizza la funzione? Semplice, basta tenere due dita sui sensori laterali in acciaio inox per 30 secondi e avremo il risultato del test.

Per quanto riguarda invece il livello di recupero giornaliero o livello di prontezza, è una funzionalità software riservata agli abbonamenti premium da 8.99 al mese o 79.99 all’anno.

Ma la cosa bella è che possiamo provarla gratis per 3 mesi. La funzione è dedicata a tutti gli sportivi perché consente di capire quando è meglio riposarsi e quando invece si è pronti ad affrontare un nuovo allenamento, il tutto con dati sempre aggiornati sulle performance, battiti e qualità del sonno.

In pratica più il nostro punteggio sarà alto, più saremo in grado di svolgere allenamenti intensi. Come accennato in precedenza, la funzionalità è ufficialmente disponibile su Charge 5 ma anche sui dispositivi Sense, Versa 3/2, Inspire 2 e Luxe.

LEGGI ANCHE: FitBit Charge 5 si prepara al debutto: totalmente rivoluzionato come non l’avete mai visto

Ma c’è un’altra funzionalità molto attesa

Oltre ad un report sulla salute del nostro cuore e un personal trainer a portata di polso che ci dice quando dare il massimo e quando possiamo concederci il meritato riposo, c’è un’altra funzione che gli utenti attendono da molto tempo: il rilevamento della glicemia, ovvero la concentrazione di glucosio nel sangue. Un aspetto che se tralasciato, può portare a delle complicanze e quindi al diabete.

Ricordiamo che il valore normale della glicemia a digiuno deve essere mantenuto tra 70 e 100mg/dl. Si parla invece di iperglicemia quando vi è un innalzamento del glucosio nel sangue che può portare a conseguenze negative sul nostro stato di salute.

LEGGI ANCHE: Fitbit lancia Luxe, il fitness tracker elegante che abbina lusso e tecnologia

La funzione per il rilevamento della glicemia arriverà nell’app Fitbit in Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, India, Irlanda, Nuova Zelanda, Singapore, Spagna e UK. Speriamo presto anche nel nostro Paese.

La cosa interessante è che non è più necessario pungersi e prelevare una goccia di sangue per avere le informazioni che cerchiamo. Oggi il dolore è stato sostituito da biosensori in grado di misurare la glicemia senza necessità di pungere il dito con l’ago. L’orologio ha una vibrazione discreta per avvertire chi lo indossa di episodi di ipo o iperglicemia sia diurni sia notturni.