Il “dirigibile”riprende a volare: nuovo Zeppelin di B&W, più connesso che mai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:48

Ritorna sul mercato un diffusore che ha fatto la storia dell’audio degli ultimi 15 anni, rinnovato nella tecnologia ma fedele nello stile

L’eleganza ha un nome e nel caso degli amplificatori domestici il suo è Zeppelin della’azienda Bowers & Wilkins – Meteoweek.com

La avevamo scoperto come l’amplificatore tra i più compatibili lanciati sul mercato nel 2006 quando il primissimo modello era stato associato per essere la prosecuzione naturale della tecnologia iPod. E da quel momento si è sempre contraddistinto per la sua docking originale, un design iconico, e una interfaccia soggetta agli avanzamenti tecnologici.

Ora dopo un lunga pausa ritorna rinnovato grazie all’impegno dell’azienda Bowers & Wilkins che ci ripropone un modello che, pur mantenendo un’identità unica, si arricchisce di nuove funzionalità e una qualità audio mai provata prima.

LEGGI ANCHE: Nuovo speaker potentissimo lanciato da Boose: ecco a voi Soundlink Flex

La nuova versione è già disponibile sul sito e-commerce dell’azienda. Il prezzo è importante, parliamo di 799€ e i colori in cui potremo averlo sono il classico nero o l’elegante grigio perla e sarà possibile metterlo in bella mostra appeso ad una parete, o in alternativa appoggiato su un ripiano.

Le caratteristiche dello Zeppelin e perché non ne potremo fare più a meno

Il docking semplice ma efficacie ci garantisce l’accesso alle funzioni principali del nostro “dirigibile” in versione home – Meteoweek.com

Analizziamo più nello specifico le caratteristiche rendono questo prodotto allo stesso tempo identitario e al passo con i tempi. Partendo appunto dall’aspetto principale, ovvero la componente audio. Questo amplificatore è costituito da un sistema di altoparlanti stereo nel quale troviamo un woofer centrale, al quale si associano i due potenti laterali, un midrange e tweeter.

Ciascuno degli elementi viene gestito attraverso il relativo amplificatore in un range di potenza che oscilla da 40 W,per il midrange e tweeter, e 80 W del woofer. Il corpo del diffusore, pur avendo un’anima potente, rimane modesto. La scocca non supera i 65 cm di larghezza, e ha profondità e altezza relativamente di 20 cm. La basetta d’appoggio è realizzata con materiali interessanti. Ritroviamo l’impiego della fibra di vetro, questa volta in una versione due volte più spessa rispetto al modello precedente.

L’aspetto della connettività non è da trascurare. Fondamentalmente perché la vera e propria evoluzione che registra il comparto consiste nelle capacità di lavorare senza dover necessariamente procedere ad un attacco fisico dei devices.

E’ per questo motivo che su Zeppelin non troveremo i classici attacchi analogici. Il pannello infatti mostra solo tre componenti per l’immissione, e tecnicamente la possibilità di attaccare una USB è limitata alle funzioni di aggiornamento del sistema.

LEGGI ANCHE: Incredibile speaker a conduzione ossea per allenamenti in acqua

Assolta questione che sfida la presenza di cablaggi obsoleti si può comprendere meglio come sarà possibile utilizzare l’amplificatore. Ci potremo avvalere della tecnologia Wi-Fi, Bluetooth 5.0 con aptX Adaptive, AirPlay 2 e Spotify Connect. Una volta messo a regime l’apparecchio inoltre potremmo utilizzare sia l’applicazione Music App che interagire con l’assistente virtuale Alexa.

Siamo quindi di fronte ad un oggetto bello da vedere e integrato nella rete domestica che ci permetterà di passare ore di godibile ascolto.