La Cina sarà in grado di fornire materie prime per Volkswagen?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35

Volkswagen utilizza sempre più batterie per le proprie automobili elettriche, e visto che la Cina non sarà propriamente in grado di soddisfare le sue richieste, ha deciso di darsi da fare e di intervenire personalmente per risolvere questo problema.

La Cina sarà in grado di fornire materie prime per Volkswagen?
Volkswagen è una delle più grandi aziende automobiliste esistenti – MeteoWeek.com

Volkswagen, che si occupa di realizzare veicoli elettrici per il mercato delle automobili, ultimamente sta usando un enorme numero di batterie, e nonostante questo sembra che la società ne abbia bisogno ancora di più per ampliare la propria strategia di elettrificazione.

Dunque, data questa iniziativa, Volkswagen ha deciso di dare il via alla progettazione di una struttura per la produzione di sistemi di batteria a Hefei, in Cina. Lo scopo sarà quello di fornire tra le 150.000 e le 180.000 batterie all’anno, e tutte quante dedicate a modelli di auto basati sulla piattaforma MEB.

LEGGI ANCHE: Lightyear ha raccolto 110milioni per produrre l’auto elettrica fotovoltaica

Una idea incredibile e che lascia davvero stupiti i consumatori, visto e considerando che sarà, come è facilmente intuibile, una struttura di grandi dimensioni. Infine, sappiamo anche che il gruppo dell’azienda sta investendo più di 140 milioni di euro per la sua nuova iniziativa.

Grandezza della fabbrica e progetti futuri

La Cina sarà in grado di fornire materie prime per Volkswagen?
Uno dei modelli di auto attualmente in vendita dalla società automobilistica – MeteoWeek.com

La superficie sarà di oltre 45.000 metri quadrati, mentre l’edificio avrà luogo accanto agli impianti di produzione di Volkswagen Anhui. Conterà 200 dipendenti, in aggiunta gli impianti installati lavoreranno assieme alle altre fabbriche di batterie dell’azienda e con gli stabilimenti di Braunschweig in Germania e Tianjin in Cina.

Si sta cercando di arrivare anche a creare ulteriori sistemi pure in altre zone. Un esempio potrebbe essere quella di Mlada Boleslav nella Repubblica Ceca o a Chattanooga negli Stati Uniti. L’obiettivo, come dichiara Volkswagen, sarà di “produrre oltre un milione di sistemi di batterie all’anno entro pochi anni“.

Ma non solo: le sue fabbriche, e in particolar modo quella che nascerà, aggiungeranno delle basi solide per la produzione delle prossime generazioni di batterie. Questa mossa servirà a Volkswagen per crescere ulteriormente nel mercato cinese per quanto riguarda le automobili a batteria e diventare, quindi, sempre più grande come azienda.

LEGGI ANCHE: Il Fisco sarà a conoscenza di tutti i nostri dati, grazie ad un nuovo software

Il marchio tedesco, infatti, ha venduto circa 7.000 mila veicoli elettrici della famiglia ID in un mese, mentre la Cina punta a consegnare almeno 100.000 vetture elettriche in totale nel 2021. Thomas Schmall, CEO di Volkswagen Group Components, ha dichiarato in merito che: “Anhui è un pilastro importante della nostra strategia globale per le batterie. Attualmente, stiamo costruendo tre stabilimenti di produzione di batterie per veicoli dotati della piattaforma MEB in Asia, Europa e Stati Uniti per essere in grado di soddisfare la crescente domanda di sistemi di batterie in futuro. La nostra fabbrica a Braunschweig, in Germania, è pronta a produrne fino a 500 mila”. Frasi molto interessanti e particolari, che sembrano promettere davvero molto da parte dell’azienda. Comunque sia, ricordiamo che la costruzione dell’edificio avverrà, probabilmente, entro e non oltre la metà del 2023.