La svolta su WhatsApp: ecco come inviare un messaggio vocale a chi ti ha bloccato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:13

Su Whatsapp non si è mai al sicuro: dai messaggi vocali alla posizione, ormai si può sapere tutto di una persona tramite quest’app. Scopriamo nell’articolo come è possibile inviare un messaggio vocale al contatto che ci ha bloccati.

Whatsapp e i messaggi vocali – MeteoWeek.com

A tutti almeno una volta, forse, è capitato di dover bloccare un contatto su WhatsApp, vuoi per una litigata, per una rottura tra ex, per un colloquio di lavoro andato molto male.

Sono avvenimenti che possono capitare, siamo umani, e che ci fanno stare male.

Non potendo più chiamare o scrivere, sarebbe bello poter mandare almeno un audio, qualcosa per spiegarsi un’ultima volta.

Esiste in realtà un modo per aggirare questo blocco e inviare un vocale alla persona in questione con un trucco molto semplice che stiamo per spiegarvi qui sotto.

Ciononostante, solito discorso: se una persona arriva a bloccarvi, evidentemente di voi non vuole più saper niente.

Magari è meglio così, forse l’avete ferita talmente tanto che non vuole più sentirvi. Non conviene ascoltarla?

Se invece siete determinati ad avere l’ultima parola, vi spieghiamo un metodo per inviare messaggi vocali ai contatti che vi hanno bloccati.

LEGGI ANCHE: WhatsApp e il trucco per vedere le storie di amici e contatti in Anonimo

Come inviare messaggi ali contatti che ci hanno bloccato

Un contatto bloccato può inviarci messaggi vocali? Sì. – MeteoWeek.com

Tutti noi speriamo che, una volta bloccato, un contatto non possa più scrivere o interagire con noi. Purtroppo non è così e ora vi spiegheremo il perché non siete “al sicuro”.

La causa di ciò è una “falla” di WhatsApp che non gestisce il blocco dei contatti sui gruppi delle chat.

Ecco la vostra entrata di riserva.

In pratica, un amico comune dell’utente con cui non desiderate più aver niente a che fare, potrebbe creare un gruppo e inserire voi e il vostro contatto bloccato.

In questo modo quest’ultimo potrà tranquillamente scrivere sul gruppo e inviare anche note vocali. In sostanza non esiste una protezione assoluta. In complicità con un amico in comune potrebbe farvi una bella sorpresina e continuare a “perseguitarvi” su WhatsApp.

Non serve quindi interagire con un contatto solo privatamente, ma “buttarsi” sui gruppi di whatsapp dove non risultiamo bloccati.

Quello di cui avete bisogno per portare a termine questo procedimento è un buon amico presente nel gruppo o per crearne uno.

Mettetevi d’accordo con questa persona e fategli creare un gruppo WhatsApp in cui inserire voi e la persona che vi ha bloccato (quindi deve essere una vostra conoscenza comune).

Di conseguenza vi troverete tutti e tre nello stesso gruppo. Ora, in un gruppo WhatsApp non valgono più le dinamiche del blocco, quindi potrete inviare un messaggio vocale e la persona in questione potrà sentirlo. Inoltre selezionando le info sul vostro audio saprete chi ha aperto il vocale ascoltandolo.

Certo, aspettatevi che questa persona tagli i contatti anche con il vostro amico!

LEGGI ANCHE: WhatsApp ancora più evoluto: arriva la connessione di un account su 4 dispositivi

Come difendersi da questo attacco quasi frontale

Come difendersi – MeteoWeek.com

Una soluzione potrebbe essere quella di abbandonare immediatamente il gruppo WhatsApp. Così facendo non riceverete più alcun messaggio e vi sarete liberati, per il momento, del fastidio.

Dubitando che questa persona che vi ha contattati così si rifaccia viva, potrete tornare un sospiro di sollievo.

La seconda alternativa potrebbe essere quella di silenziare la chat per un anno.

È possibile non ricevere notifiche per un intervallo di tempo prestabilito o per sempre. In questo modo non sarete più molestati dai messaggi e, come si suol dire, “occhio non vede, cuore non duole”.

Dopo averla silenziata, archiviate la chat, in modo da non vederla neanche più in cima al menù.

Infine, se proprio non volete più aver niente a che fare e scongiurare qualsiasi altro contatto, sostituite WhatsApp con un’altra app di messaggistica istantanea com Telegram (fatevi una cultura  qui). Ma attenzione, assicuratevi di aver bloccato quel contatto anche lì.

O andate alla polizia perchè dopo un po’ è stalking eh!

Comunque resterebbe ancora un’ultima soluzione, fare pace con chi avete bloccato, chiarirvi e cercare di rimettere le cose a posto. Anche per evitare di aver paura ad inviare un messaggio o ad entrare su Whatsapp!