Amazon mette in campo 1 Miliardo di dollari per progetti di sostenibilità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:54

Amazon dona 1 miliardo per il sustainability bond, tra le altre iniziative da poco messe in campo. Vediamo le ultime due.

Amazon per l’eco sostenibilità – MeteoWeek.com

La compagnia di Jeff Bezos è molto attiva nel campo dell’eco sostenibilità.

Ecco perchè è una delle poche aziende di shopping online che ha deciso di investire in metodi di trasporto il più sostenibili possibili, risparmiando sui materiali d’imballaggio, eco friendly.

Amazon infatti  annuncia l’emissione di un Sustainability Bond da un miliardo di dollari per finanziare progetti di sostenibilità sia già avviati che futuri, a sostegno delle persone e del Pianeta.

I proventi “ viene spiegato in una nota “saranno utilizzati per finanziare progetti in cinque aree, andando a sostenere i significativi investimenti che Amazon ha fatto nel corso degli anni: energia rinnovabile, mobilità green, edifici sostenibili, alloggi a prezzi accessibili e sostegno socio-economico e empowerment delle comunità“.

L’iniziativa è parte del Sustainable Bond Framework, “che illustra come stiamo investendo per avere un impatto positivo sulla società e aiutare a far avanzare le nuove tecnologie atte a decarbonizzare le attività e preservare l’ambiente” , precisa Amazon, sottolineando che “continua a stimolare gli investimenti nello sviluppo di tecnologie verdi e di prodotti e servizi a basse emissioni di CO2 che consentano alle aziende di tutte le dimensioni di decarbonizzare le proprie attività”.

LEGGI ANCHE:Arriva il nuovo Amazon Fire HD 10: ecco i dettagli del tablet, ancora più potente

Quali sono gli obiettivi del Sustainability Bond

Jeff Bezos, CEO di Amazon – MeteoWeek.com

Con questa iniziativa, gli impegni di Amazon prevedono:

  • zero emissioni nette di CO2 in tutta Amazon entro il 2040, “dieci anni prima dell’accordo di Parigi”, puntualizza l’azienda
  • 100 mila veicoli elettrici per le consegne
  • 100% energia rinnovabile per alimentare le proprie attività entro il 2030, “ma siamo già a buon punto per raggiungere questo obiettivo addirittura con cinque anni di anticipo, entro il 2025”.
  • C’è poi la tematica del cosiddetto Shipment zero, un programma che punta a rendere tutte le spedizioni di Amazon a zero emissioni nette di CO2. La prima pietra miliare è prevista per il 2030, quando si dovrebbe raggiungere il 50% dell’obiettivo.

Tra i destinatari dell’operazione ci sono inoltre il Climate Pledge Fund e il Right Now Climate Fund.

Il primo ha lo scopo di raccogliere investimenti per sostenere la scalabilità e lo sviluppo di tecnologie e servizi che facilitino e accelerino la transizione verso un’economia a basse emissioni di CO2 per la salvaguardia dell’ambiente.

Il secondo quello di investire in soluzioni basate sulle risorse naturali, con azioni di conservazione, ripristino e miglioramento della gestione del territorio, in grado di aumentare lo stoccaggio di CO2 o di impedire le emissioni di gas serra nelle foreste, nelle zone umide e nelle praterie di tutto il mondo.

Infine, Amazon sfrutterà il Sustainability Bond per realizzare alloggi a prezzi accessibili e per supportare a livello socio-economico la comunità, aumentando le opportunità per i gruppi sotto rappresentati di avere accesso al mondo della tecnologia e lanciare, ampliare e investire in programmi di formazione delle competenze

LEGGI ANCHE: Amazon ancor più incontro agli utenti: ecco il nuovo metodo di pagamento

Un’altra iniziativa firmata Amazon

Esselunga dice no ad Amazon – MeteoWeek.com

Il colosso delle vendite online ha infatti investito in diverse “cause”, dopo il Sustainability Bond, ha pagato più di 700 milioni di dollari assumendo oltre 10.000 collaboratori per tutelare il suo negozio digitale da frodi e abusi.

Tutto per garantire anche ai propri clienti l’acquisto di prodotti autentici (perfetto per l’ultima causa di Amazon, che potete leggere qui ).

Secondo un report pubblicato dalla stessa azienda, lo scorso anno Amazon avrebbe in tal senso bloccato più di sei milioni di tentativi di creazione di account venditore falsi, e sequestrato circa due milioni di prodotti contraffatti prima che questi venissero inviati ai clienti.

La società americana inoltre si è impegnata anche a tutelare e valorizzare i prodotti agroalimentari e i produttori, per questo abbiamo segmenti come Amazon Paintry.

In quest’ottica ha stretto un accordo con Confagricoltura che prevede l’ingresso della principale organizzazione datoriale degli agricoltori in Italia all’interno del programma “Accelera con Amazon”.

Ricordiamo anche la proposta di Amazon per Esselunga, come collaborazione, che però sembra non vedere la luce (lo potete trovare  in questo articolo )