Fibra ottica: quale scegliere tra tutti gli operatori disponibili?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:10

Con i recenti piani del Governo, la fibra ottica sta arrivando in moltissime aree del Paese che finora sono state coperte soltanto dalla vecchia rete Adsl. Ecco alcuni consigli per poter scegliere al meglio il proprio operatore di connessione in fibra

fibra ottica
Quale operatore scegliere? – MeteoWeek.com

I recenti sviluppi delle politiche del Governo hanno dato una netta marcia in più alla diffusione della fibra ottica in tutta Italia. Anche e soprattutto con l’avvento della pandemia, si è palesata ancora una volta la necessità di poter garantire a tutti i cittadini una connessione veloce, stabile e affidabile.

Un esempio è il tema della didattica a distanza: per quanto si spera di poter tornare al più presto alla didattica in presenza, è chiaro come ormai la DAD sia diventata un valido strumento aggiuntivo per gli studenti anche da casa e potrà essere riproposta in futuro nel mondo della scuola. La DAD, però, richiede per l’appunto una connessione stabile, meglio ancora se di qualità, così da garantire la massima trasparenza di comunicazione tra docente e alunno.

La fibra ottica può portare anche innumerevoli altri benefici, soprattutto in ambito lavorativo, dove ancora oggi molti lavoratori si trovano a dover “lottare” contro connessioni lente e inadeguate. La connessione in fibra insomma giova a moltissimi aspetti ed è per questo che è importante scegliere il miglior operatore di fibra ottica per la propria rete di casa (o aziendale).

Leggi anche: Open Fiber porta l’Internet ultraveloce: fino 1 Gigabit per secondo

Operatori di fibra ottica: i criteri con cui scegliere

Come già detto, scegliere il miglior operatore di fibra ottica per la propria situazione di casa o in azienda è fondamentale. Vi sono infatti alcuni criteri da tenere in considerazione prima di preferirne uno rispetto ad un altro: criteri da non sottovalutare, anche se all’apparenza possono sembrare scontati.

In primo luogo, prima di scegliere un operatore è fondamentale informarsi sulla copertura della rispettiva rete in fibra rispetto alla propria zona. Sebbene le principali compagnie telefoniche – soprattutto i “vecchi colossi” come Fastweb, Tim e Infostrada – propongano già la fibra sulle medesime reti cablate, in alcune zone determinati operatori potrebbero essere arrivati e altri no. Dunque è sempre meglio fare un test, magari con un tecnico tramite un modem provvisorio.

fibra ottica
E’ bene effettuare un test della connessione, magari con un tecnico, nella propria zona prima di scegliere l’operatore. – MeteoWeek.com

Un secondo aspetto da considerare è la presenza o meno della fibra FTTH, Fiber to the Home, in altre parole la rete in fibra che arriva fino a casa. Se doveste scoprire che questa rete è disponibile nella vostra abitazione (e se, ovviamente, il costo è sostenibile per voi) non esitate ad attivarla: si tratta della fibra più veloce in assoluto, ben più veloce della più comune FTTC, Fiber to the Cabinet, ad oggi largamente diffusa nel nostro Paese.

Non va ovviamente scordato il costo, come già citato poco sopra, da sostenere per la connessione in fibra. In media gli abbonamenti per questi piani di connessione partono da 25 euro mensili circa, ma si possono trovare piani a prezzo anche superiore. Un altro aspetto fondamentale sono i vincoli di contratto: fate molta attenzione a eventuali penali da dover pagare in caso di rescissione, una eventualità purtroppo non rara, dato che di frequente capita di trovarsi male con un determinato operatore.

Meglio affidarsi alle nuove compagnie telefoniche o ai “vecchi colossi”?

Sul mercato italiano si stanno affacciando nuove realtà per la fibra ottica, e tra queste rientrano piccole società, che operano per lo più a livello locale nelle varie Regioni, ma anche grandi aziende, come Iliad, che tra qualche tempo dovrebbe introdurre ufficialmente la propria rete in fibra.

Leggi anche: Quali sono le differenze tra fibra e ADSL? La diffusione in Italia delle due tecnologie

Chiaro, le compagnie “vecchie bandiere” della rete internet in Italia offrono comunque delle connessioni eccellenti e godono del prestigio accumulato nel corso degli anni: affidandosi ad esse potreste trovare un’assistenza clienti più ampia e maggiori benefici inclusi con i pacchetti offerti. Le nuove compagnie, invece, potrebbero offrirvi prezzi nettamente inferiori alla media, soprattutto a livello locale e regionale.