Quali sono le differenze tra fibra e ADSL? La diffusione in Italia delle due tecnologie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

Fibra e ADSL rappresentano rispettivamente la nuova e la vecchia tecnologia di connessione a Internet. L’utilizzo delle due tecnologie è ancora oggi spartita, tra chi è raggiunto dai cablaggi della fibra e chi è limitato alla più lenta ADSL.

fibra e adsl
Il lavoro, specialmente da casa tramite il proprio PC, è il settore più interessato alla velocità della fibra ottica. – MeteoWeek.com

Nonostante i lavori per portare la fibra ottica in tutta Italia, condotti per lo più da Open Fiber in sincronia con le principali compagnie telefoniche, la situazione della connettività ad Internet nel Bel Paese è ancora piuttosto complicata, e potrebbe ricevere una svolta definitiva non prima di qualche anno.

Sono ancora molti, infatti, i cittadini che non possono permettersi una connessione in fibra. I lavori proseguono ad un ritmo sostenuto, e vengono raggiunti sempre più luoghi, ma non si tratta di un processo istantaneo: c’è chi prospetta almeno altri tre anni di lavori per raggiungere una copertura ottimale della fibra ottica in tutto il Paese.

Ma quali sono le differenze tra fibra e ADSL? In che modo l’utilizzatore dell’ADSL è svantaggiato? Vediamo tutti i dettagli.

L’ADSL, precedente tecnologia di connettività Internet

L’ADSL è ancora oggi la tecnologia di connettività Internet usata da numerose famiglie italiane. Tale tecnologia utilizza cablaggi in rame tramite il classico doppino telefonico: il cablaggio passa attraverso il centralino telefonico più vicino alla propria abitazione e raggiunge in sequenza tutte le abitazioni coperte.

Tale tecnologia, quindi, ha la grande pecca di “disperdere” il segnale ad ogni abitazione raggiunta: ciò significa in soldoni che le abitazioni più vicine al centralino telefonico potranno godere della connessione più veloce, mentre chi abita più lontano risente del traffico generato dalle abitazioni più vicine.

La velocità in download dell’ADSL è di molto inferiore a quella della fibra, fino a renderla decisamente svantaggiosa per chiunque debba lavorare, o sfruttare la connessione per effettuare download, giocare online o utilizzare servizi in streaming. La velocità massima infatti si attesta attorno ai 20 Mbit/s nei casi più fortunati, e gravita attorno ai 4/5 Mbit/s nel caso dell’utente “medio”.

La fibra ottica: attenzione alla distinzione tra FTTH e FTTC

La fibra ottica è la tecnologia più avanzata e attualmente in rapida diffusione in Italia, grazie ai lavori di Open Fiber e delle compagnie telefoniche. Grazie alla fibra, si possono raggiungere velocità notevolmente superiori, ma c’è da fare una netta distinzione. Esistono infatti due tecnologie di connessione in fibra: Fiber To The Home (FTTH) e Fiber To The Cabinet (FTTC).

fibra e adsl
Anche l’utilizzo degli smartphone, del gaming e dei servizi di streaming trae giovamento dalla fibra ottica. – MeteoWeek.com

Per quanto riguarda la fibra FTTH, essa è il “massimo desiderabile” in quanto porta il cablaggio direttamente nell’abitazione, fornendo la massima velocità possibile che, in alcuni casi, arriva al gigabit. La FTTC invece è la cosiddetta fibra misto rame, che soffre in parte dello stesso difetto dell’ADSL: gli utenti più lontani dalla centralina risentono dell’utilizzo di tutti gli utenti che abitano più vicini, vedendo così un rallentamento della velocità. In ogni caso, la FTTC per l’utente medio può variare tra 30-40 Mbit/S fino a valori superiori ai 100 Mbit/s.


Leggi Anche:


Fibra e ADSL: dove sono diffuse

Fibra e ADSL vivono una disparità di diffusione ancora notevole. Se la fibra è presente nei centri maggiori (capoluoghi di regione, di provincia e cittadine di grandi o modeste dimensioni) l’ADSL è ancora la tecnologia di connettività nelle zone rurali più remote o in alcune frazioni.

I lavori, però, sembrano procedere a gonfie vele e sempre più zone vengono raggiunte dalla connettività in fibra ottica, anche le più remote. L’anno di “deadline” per i lavori sembra essere il 2026, ma non è difficile immaginare che si possa raggiungere un ottimo grado di copertura ben prima di questa finestra temporale.