Glen de Vries, astronauta di Origin, è deceduto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Ci è giunta una brutta notizia: una persona molto conosciuta e che svolgeva un grande impiego per la società, purtroppo è deceduta di recente. 

Glen de Vries, astronauta di Origin, è deceduto
Immagine in cui è riportato l’equipaggio a cui apparteneva l’uomo, il quale è posto a sinistra nella foto – MeteoWeek.com

La vita, di tanto in tanto, può essere crudele. Lo capiamo ogni volta che sentiamo la notizia della morte di un individuo, specie se sia qualcuno a cui tenevamo oppure di un personaggio molto famoso. Comunque sia non possiamo fare a meno di ricordare le passioni e le esperienze compiute da quella determinata persona.

LEGGI ANCHE: SpaceX torna sulla terra dopo 6 mesi, le immagini dell’atterraggio lasciano senza fiato

Soprattutto se parliamo di un ex astronauta che ha passato diversi anni della sua vita a compiere missioni in orbita, le quali hanno permesso alla NASA di ottenere numerose informazioni su tutto ciò che ha a che fare con lo spazio. Purtroppo sono situazioni inevitabili e da cui non possiamo fuggire, ma in ogni caso, l’uomo, pare che non abbia proprio niente da rimpiangere.

Il tragico evento

Si tratta di Glen de Vries, l’imprenditore ed astronauta di Blue Origin che è venuto a mancare per via di un tragico incidente aereo. E pensare che fino al mese scorso aveva effettuato un volo oltre la linea di Karman con l’ex capitano Kirk, William Shatner e altri membri dell’equipaggio per la missione NS-18. Tuttavia, il suo ultimo viaggio si è rivelato essere fatale per lui.

Oltretutto, ricordiamo che aveva solo 49 anni, dunque aveva appena raggiunto la mezza età, inoltre faceva parte del secondo equipaggio inviato nello spazio dalla NASA. L’annuncio del suo decesso è stato pubblicato direttamente da Blue Origin, la quale ha incassato un brutto colpo data la notizia sconvolgente.

Come se non fosse abbastanza, insieme a lui ha perso la vita persino Thomas Fischer, il suo istruttore di colo. Glen De Vries era il Vice-Presidente di Life Sciences & Healtcare presso Dassault Systèmes e Co-Fondatore di Medidata, una piattaforma di ricerca clinica. Sappiamo, inoltre, che l’aereo Cessna 172 monomotore sia precipitato vicino al lago Kemah, nel New Jersey.

Durante la sua lunghissima carriera, l’astronauta ha sviluppato dei software di assistenza in campo medico, e ha lavorato pure per tentare di prolungare la vita della gente. Insomma, ci ha lasciati una persona di buon cuore e che avremo modo di ricordare in futuro per le sue grandi azioni.

LEGGI ANCHE: Il delta fluviale su Marte potrà dirci se c’è stata vita sul pianeta rosso

Concludiamo con una dichiarazione rilasciata di Blue Origin, nella quale a parlare è l’astronauta stesso: “Ho vissuto un senso del tempo intensificato nella mia mente sin da quando è partito il conto alla rovescia. Penso di aver riportato quella prospettiva con me. Il passare del tempo, proprio come le risorse sulla Terra, sembrano più preziosi con una prospettiva più ampia“.