Negazionisti su Facebook: ecco i 10 profili più seguiti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Sono pochi, ma fanno un grande rumore mediatico e inquinano la realtà dei fatti e la purezza delle notizie sul clima. Ecco di chi parliamo. 

Sono 10 i profili Facebook che fanno quasi il 70% delle fake news sul clima – MeteoWeek.com

I 10 profili Facebook che si impegnano maggiormente nella disinformazione

Il Counter Digital Hate (Ccdh), un’organizzazione no-profit britannica che si impegna a combattere la disinformazione online, ha individuato ben 10 profili su Facebook che risultano attivi a diffondere notizie false sul clima.

Lo studio condotto dall’ente conclude che il 69% dei contenuti pubblicati sui social network che negano il cambiamento climatico viene realizzato da 10 editor.

Ma entriamo più nello specifico. Ecco quali sono i profili individuati:

Sito Web americano di notizie, opinioni e commenti di estrema destra fondato a metà del 2007 dal commentatore conservatore americano Andrew Breitbart, che lo ha concepito come “l’Huffington Post di destra”

Sito web politico e di notizie conservatore americano con sede a Phoenix, in Arizona. Il sito è stato fondato dal consulente politico Floyd Brown nel 2008.

Sito web di notizie e opinioni conservatore americano fondato da Christopher Ruddy il 16 settembre 1998 e gestito da Newsmax Media.

Sito web di notizie e opinioni conservatore americano

Gruppo americano di analisi dei contenuti con sede a Reston, Virginia, fondato nel 1987 da L. Brent Bozell III. Si caratterizza come un cane da guardia dei media.

LEGGI ANCHE: Facebook abbandona per sempre il suo Face ID: che cosa comporta questa scelta

E’ un quotidiano pubblicato a Washington. Fondato nel 1982 da Sun Myung Moon, leader della Chiesa dell’unificazione, ha una linea editoriale di stampo conservatore. L’editore è Wesley Pruden.

Sito che nei suoi trascorsi ha pure l’aver promosso la disinformazione sulla pandemia di Covid-19.

Sito Web di notizie conservatore americano e una società di media fondata nel 2015 dal commentatore politico Ben Shapiro e dal regista Jeremy Boreing. È un editore leader su Facebook e produce diversi podcast tra cui The Ben Shapiro Show.

  • Media statali russi tramite RT.com e Sputnik News

RT è un canale televisivo satellitare russo diffuso a livello mondiale, il primo tra i canali della Russia completamente in digitale. E’ un canale finanziato direttamente dal Cremlino e ha lo scopo principale di migliorare la reputazione della Russia nel mondo e di diffonderne all’estero le posizioni e che nel 2014 Vladimir Putin intendesse contrastare una copertura mediatica a suo giudizio tendenzialmente negativa da parte dei media occidentali

In poche parole, da un numero ridotto di profili arrivano più dei due terzi di contenuti fake legati al cambiamento climatico.

LEGGI ANCHE: Facebook e la censura, per l’ennesima volta: questa volta contro gruppi no Green Pass

Come è stata condotta l’indagine?

L’indagine è stata realizzata utilizzando uno strumento di analisi dei social media, NewsWhip, che ha permesso di analizzare quasi 7 mila articoli negazionisti sul tema del cambiamento climatico. I post hanno ottenuto oltre 700 mila interazioni su Facebook.

Gli autori dello studio puntano l’indice anche contro Facebook che ospita i contenuti e dovrebbe invece rifiutarli o etichettarli come fuorvianti in maniera più solerte. Facebook dal canto suo nega però l’attendibilità dei risultati di questa ricerca affermando che la metodologia usata è imperfetta e che la piattaforma si impegna a combattere la disinformazione sul cambiamento climatico.