Midnight Mass, un piccolo tesoro su Netflix

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:20

Una serie tv che inizia molto bene ma, che verso la fine, prende una via che nessuno si aspettava. Ecco Midnight Mass in pillole.

Midnight Mass – meteoWeek.com

Chi è appassionato di horror, su Netflix sa che la scelta è molto vasta. L’ultimo arrivato che volevamo recensire è Midnight Mass, una serie tv molto, ma molto particolare, che ci ha lasciato particolarmente scombussolati. Segue molto la scia di Hill House e Bly Manor, soprattutto per le ambientazioni e, detto volgarmente, il riutilizzo di alcuni attori, talmente camaleontici da prestarsi a qualsiasi interpretazione del personaggio.Ma vediamo insieme, in breve, la trama della serie tv.

LEGGI ANCHE: Netflix sceglie i dispositivi Android per una selezione di videogames gratis

La trama di Midnight Mass in breve

Come le stagioni delle due precedenti opere dark, la storia di fondo s’intreccia a quella dei personaggi, che presi in gruppo sono all’inizio le persone più tranquille del mondo, ma singolarmente hanno ben più dei semplici problemi della vita comune. In questo episodio infatti, troviamo Riley Flynn che si crogiola nel rimorso di aver ucciso una ragazza al volante, perché ubriaco, che esce di prigione dopo 4 anni e torna sull’isolotto di pescatori dov’è cresciuto. Vive con sua madre, una devota cristiana con gli occhiali, suo fratello che come tutti gli adolescenti cerca di evadere dalle regole ritrovandosi con gli amici a fumarsi qualche spinello, e suo padre, un burbero pescatore con problemi alla schiena che a mala pena gli rivolge la parola. Qui, ritrova Erin Green, l’amore della sua vita, tornata anche lei sull’isolotto dopo un matrimonio violento, con una bimba in arrivo. E se tra i due sembra tornare l’armonia, il mondo al di fuori non la pensa così. E tutto comincia dall’arrivo di un misterioso prete…

LEGGI ANCHE: Un grande arrivo su Netflix: dal 23 ottobre si potrà vedere The Office

Cosa non ci ha convinto di Midnight Mass

Nonostante il racconto che tiene incollati allo schermo, alcuni punti non ci hanno per niente convinto. Se non il continuo parallelismo con la religione, un tema molto profondo che abbiamo apprezzato. Ma ecco invece cosa ci ha fatto storcere il naso.

SPOILER DA QUI

  • Possiamo capire che il misterioso prete sia Monsignor Pruitt di gran lunga ringiovanito… ma possibile che nessuno della comunità l’abbia riconosciuto? I tratti sono quelli, non può essere ambiato così tanto. I gesti, la voce…ma andiamo!
  • la perpetua. Un personaggio così odioso non lo redavamo da Geoffry in Game of Thrones. Anche se forse siamo di parte: in fondo, lei in Grey’s Anatomy ha contribuito alla morte di Derek Sheperd. (Finfact: in Push, un film horror con alcuni dei protagonisti della serie, come si chiama il libro scritto dalla protagonista, che qui interpreta Erin? esatto, Midnight Mass! E LO TIENE IN MANO PROPRIO LA PERPETUA!)
  • La gravidanza di Erin:possibile che questa sia l’unica donna che va dal dottore senza portarsi dietro la cartella clinica?
  • L’angelo. qui, siamo a metà e metà. Abbiamo apprezzato che l’angelo sia stato raffigurato com un vampiro, perchè in alcuni tratti del Vecchio Testamento, è questa l’idea che vogliono far passare. Ma sembra tutto tranne che pericoloso. Non ci vuole un genio a capire che bisogna colpirlo nel momento “della pappa”. No?
  • La fine. Mi dispiace, ma se era partito così bene con l’idea del massacro degli abitanti per rendere la comunità un covo vampirico, era necessario far fuori all’ultimo quasi tutti coloro che nel frattempo potevano prendere la barca e andare via?

Insomma, il nostro voto è un 7 su 10, ma siamo curiosi di sentire il vostro pare!