Whatsapp le prova tutte per convincere ad usare il suo metodo di pagamento: anche il cashback

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:39

WhatsApp propone il cashback per convincere gli utenti a usare il suo sistema di pagamento.

Novità WhatsApp. Potremo ricevere un cashback dopo appena 48 ore – MeteoWeek.com

Le novità di WhatsApp sembrano non avere un limite. Da poco la nota App di messaggistica ha lanciato WhatsApp Payments, un circuito di pagamento elettronico che comincia a prendere piede in India e in Brasile. Ma ora la piattaforma di instant messaging più utilizzata al mondo ha intenzione di introdurre la funzione cashback per effettuare i pagamenti direttamente dalla app. Attualmente si tratta ancora di un’idea sotto test che trova un’applicazione concreta solo sottoforma di beta in India, Paese in cui è da tempo disponibile WhatsApp Pay, e in Brasile. La versione interessata è la 2.21.20.3.

Dunque a giudicare da quanto raccolto da WABetaInfo, il cashback di Whatsapp consentirà di ottenere un rimborso per i pagamenti completati utilizzando la piattaforma Whatsapp Payments. In questo modo, l’applicazione di Mark Zuckerberg vuole far conoscere questo nuovo sistema agli utenti incentivandone l’utilizzo.

Perché il cashback?

Ecco che, dopo la scelta di implementare dei pulsanti di scelta rapida per i pagamenti, WhatsApp consente all’utente di ricevere un cashback dopo appena 48 ore. Non è ancora chiaro però se sarà limitato al primo pagamento effettuato oppure a tutti quelli successivi. In ogni caso almeno per il momento la funzione cashback con WhatsApp Pay partirà nei Paesi dove è già attivo a cominciare appunto dall’India (il paese più popolato al mondo).

LEGGI ANCHE: Vuoi nascondere il tuo stato solo ad alcuni contatti? Ecco l’aggiornamento whatsapp di cui avevi bisogno

Il motivo? Quasi scontato: promuovere la piattaforma di pagamento interna. Quindi l’idea di base è come al solito incentivare i pagamenti elettronici, questa volta direttamente dalla App di messaggistica e al tempo stesso farla conoscere.

Come anticipatovi, il servizio è in test in India ed è valido solamente per i pagamenti UPI (Unified Payments Interface), sistema di pagamento creato nel Paese per facilitare le transazioni interbancarie. L’estensione del cashback al Brasile dipenderà da come lo strumento sarà valutato nel subcontinente asiatico. Facile immaginare comunque che la funzione sarà implementata e disponibile ovunque, anche in Italia. Non è però ancora chiaro se il cashback sarà riconosciuto a tutti o meno.

Impariamo dagli errori. Non facciamo gli “italiani medi”!

Il cashback rappresenterebbe per gli italiani un ritorno al passato e un’ottima occasione di rimborso. Già, perché l’ultimo giorno utile in cui abbiamo potuto accumulare il 10% con gli acquisti effettuati con i pagamenti elettronici registrati tramite l’app Io è stato lo scorso 30 giugno.

LEGGI ANCHE: Revolut aggiunge il 10% di cashback tramite la funzionalità Soggiorni: ecco di cosa si tratta

Da quella data il Governo ha sospeso non solo il Cashback che dà diritto ad un rimborso massimo di 150 Euro a semestre, ma anche il Super Cashback da 1500 euro per i primi 100mila utenti per numero di transazioni. Quest’ultimo programma è stato a lungo al centro delle polemiche a causa di chi ha accumulato operazioni in maniera fraudolenta per scalare la classifica.