IGOODI passa dalla realizzazione degli oggetti a quelli di avatar 3D umani fotorealistici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:46

Are you ready for the digital you? Con tanto di volto di donna in bella vista e un diti indice che porta il futuro, nel presente. Si presenta così igoodi, con tutti i crismi estestici e contenutisti a prova di curiosi.

Igoodi, startup milanese: il CEO è Billy Berlusconi, nipote del Cavaliere – MeteoWeek.com

Il CEO della startup milanese, poi, cattura ancora di più visto che risponde al nome di Billy Berlusconi (anche se all’anagrafe c’è scritto Davide Luigi) figlio di Paolo e nipote del Cavaliere. Un imprenditore a tutti gli effetti che ha dato vita alla prima “Avatar Factory” italiana, presentata alla Milano Design Week.

Con Igoodi si può creare una versione digitale 3D di noi stessi. Un vero e proprio avatar fotorealistico, ottenuto scansionando il proprio corpo. Si scarica l’applicazione, che a sua volta genera un codice da mostrare all’ingresso di quella che tecnicamente è The Gate. Qui 128 telecamere realizzano lo scanner. Si deve passare per un inevitabile labirinto di algoritmi, che portano alla creazione di un modello 3D in tutto e per tutto identico a noi, a partire dal colore della pelle, occhi, capelli. Tutto.

Un avatar fotorealistico ottimo per infiniti mondi (virtuali)

Igoodi, un avatar che apre infiniti mondi. Non solo per la tecnologia – MeteoWeek.com
Igoodi, un avatar che apre infiniti mondi. Non solo per la tecnologia – MeteoWeek.com

L’avatar vi assomiglierà in ogni dettaglio. Una vera copia digitale di voi stessi. L’innovativa piattaforma, infatti, è in grado di generare una copia digitale tridimensionale, fedele nei minimi dettagli e corredato da un dataset inclusivo di dati antropometrici, indice di massa corporea, indicazione del somatotipo di appartenenza con i relativi consigli di stile e da una tabella taglie standard basata sulle misure del soggetto. L’aggancio con la moda vien da sé.

I vestiti coi quale ci si può sbizzarrire con il proprio avatar, lo smart body rimanda immediatamente il pensiero alla semplificazione dell’acquisto di capi d’abbigliamento, evitando il problema dei resi e rendendo la moda più semplice e sostenibile. In quest’ottica si apre un mondo: entrano in campo l’e-commerce, ma anche la telesartoria, senza contare che consulenti di stile e immagine riescono a suggerire tagli d’abbigliamento sulla base di un body smart. Non solo. Sono tanti i campi di applicazione dove utilizzare l’avatar di igoodi: dall’attività motoria che consente di mettere in relazione i dati prima e dopo l’allenamento al campo di patologie come l’anoressia, passando per chi segue percorsi di riabilitazione oppure nel settore dermatologico dove, grazie a un avatar, si possono creare mappe dei nei per fare prevenzione. Tanto per dirne una.

LEGGI ANCHE >>> Avatar Frontiers of Pandora: il ritorno dei Na’vi in un videogioco esclusivamente next-gen

“Con questa iniziativa intendiamo celebrare il mondo del design come valore che percorre tutta l’offerta IGOODI, a cominciare da The Gate, la nostra cabina di scansione: un oggetto di design e ipertecnologico a forma di uovo che diventa a tutti gli effetti una metafora di nascita digital”. Così Billy Berlusconi (chiamato così dopo aver visto il celebre film Kramer contro Kramer) porta il suo igoodi sul palmo di una mano. O su quell’indice foto-copertina del portale. “Uno strumento per abitare gli infiniti mondi virtuali appieno, attraverso una nostra copia digitale”.

LEGGI ANCHE >>> Google si produrrà i suoi semiconduttori per uscire quanto prima dalla crisi dei chip per Pc e Tablet

Due i posti ad hoc, dove trovare Igoodi. Uno è a Milano, naturalmente, la città che gli ha dato i natali, a pochi passi dal Duomo. L’altra è Torino, la città che l’ha adottato al Green Pea, il primo centro commerciale interamente dedicato al tema del rispetto ambientale.