Nuovo studio che accredita maggior pericolo per chi ha un defibrillatore impiantabile e usa uno smartphone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01

Fda statunitense ha pubblicato sulla rivista Heart Rhythm uno studio sulla pericolosità di avere un cellulare vicino ad un dispositivo salvavita

FDA e la tutela della salute -Meteoweek.com

L’ente governativo statunitense che si occupa di tutelare e proteggere la salute dei pazienti e agire in maniera preventiva sulle patologie ha pubblicato un studio che mette in correlazione la pericolosità dei campi magnetici dei smartphone e smartwatch quando questi si trovano in prossimità di dispositivi salvavita come pacemaker e cardio-verter impiantabili.

L’FDA inserisce questa indagine sperimentale all’interno del complesso lavoro che sta svolgendo, in quanto responsabile del progresso della salute pubblica. Tra i suoi valori infatti ritroviamo la necessità di contribuire all’implementazione delle innovazioni tecnologiche che rendono i dispositivi di domotica sempre più intelligenti, efficienti e sicuri per la salute.

Lo studio condotto si è posto come obiettivo quello di stabilire la corretta distanza tra i dispositivi, per comprendere come questi interferiscano reciprocamente tra di loro. L’intento dello studio è quello di aiutare il pubblico e i medici nel reperire il maggior numero di informazioni scientifiche da utilizzare per migliorare la salute della società.

LEGGI ANCHE: Cellulari e tumore al cervello: uno studio spiega come prevenirlo e l’uso corretto

I test e le misurazioni, effettuati con l’ausilio di iPhone 12 e AppleWatch, hanno dimostrato che ad una distanza inferiore ai 15 mm i campi magnetici interferiscono nella corretta funzionalità dei dispositivi. La distanza minima consigliabile si attesta quindi su 20 mm.

Lo studio pubblicato sulla rivista Heart Rhythm

L’agenzia del farmaco statunitense allerta i pazienti -Meteoweek.com

Lo studio è stato condiviso sulla rivista scientifica Heart Rhythm, il canale di comunicazione ufficiale della fondazione Heart Rhythm Society e della Cardiac Electrophysiology Society.
La rivista è un database autorevole nel campo della aritmia e dei disturbi del ritmo cardiaco e si colloca in un panorama internazionale. Raccoglie i contributi dei ricercatori accademici di base e clinici, medici privati, ingegneri biotech, professionisti affiliati, nonché dalle industrie di biocomponenti.

LEGGI ANCHE: Un brevetto Apple suggerisce che iPhone ci permetterà di misurare la temperatura corporea

In base ai dati raccolti, la FDA ha stilato delle linee guida per i pazienti affetti da queste particolari patologie. Dei semplici consigli che però potrebbero fare la differenza e prevenire spiacevoli complicazioni.

  • invita i pazienti a mantenere i telefonini e gli smatwatch a distanza di non medio di 15mm dai dispositivi medici impiantati.
  • suggerisce di non indossare i dispositivi nel taschino delle camicie.
  • sollecita l’utilizzo costante del sistema di monitoraggio domestico, laddove il paziente ne fosse provvisto.
Ed infine, il sempre valido consiglio, di rivolgersi al proprio medico curante per spianare dubbi, domande o perplessità, sull’interazione tra campi magnetici nei dispositivi impiantati.
Ma le azioni concrete per prevenire le interazioni sono già note. Di fatto  si informa già i portatori di questi impiantati, e si fa preventivamente presente l’interazione che si potrebbe verificare.

A cura di FDA gli apparecchi dati in dotazione ai pazienti che si sottopongo a queste terapie sono già etichettati e  avvertono di tenere tutti smartphone e gli smatwatch ad almeno 15 mm dall’impianto.