GTA V, la famosa mappa 3D e le 400 ore di lavoro per crearla

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:22

Un progetto mastodontico, che tramite stampante 3D ha creato una mappa spettacolare su GTA V, con alle spalle 400 ore di lavoro.

GTA V, l’accuratezza nei dettagli ha portato ad una rappresentazione fisica di San Andreas – MeteoWeek.com

GTA V, il quinto capitolo della famosa saga di Rockstar Games, è sicuramente uno dei titoli di maggior successo nella storia video ludica, sia per i critici che per il grande pubblico che ci ha passato su le ore a giocarci.

Le differenze rispetto al predecessore sono abissali e sconcertanti: il dev team ha evidentemente accolto, una ad una, lamentele e suggerimenti, plasmando il Grand Theft Auto che tutti sognavamo, senza lasciar perdere neanche un singolo dettaglio.

Grand Theft Auto 5 ritorna a Los Santos (e San Andreas), regalandoci una delle ambientazioni più curate, vaste e ricche di cui si abbia memoria in ambito free roaming.

Ma è soprattutto la cura maniacale per ogni più insignificante dettaglio a rendere indimenticabile GTA V: un’insieme di tante esperienze diverse in un solo videogame.

San Andreas è infatti immensa da esplorare ed in grado di offrire svariate ore di divertimento, sia nella campagna di Grand Theft Auto V che nel popolarissimo GTA Online: un fan ha deciso di esprimere tutto il proprio apprezzamento per il titolo di Rockstar Games realizzando una fedelissima mappa in 3D. E non è un fan qualunque.

Scopriamolo insieme.

LEGGI ANCHE: GTA 6 avrà anche una magnifica capitale europea nelle sue mappe

Chi ha creato la strepitosa mappa in 3D di San Andreas su GTA V?

La riproduzione fedelissima creata con una stampante 3D – MeteoWeek.com

Come riportato da Kotaku, l’autore della spettacolare  e dettagliatissima mappa è Dom Riccobene, un product designer che ricrea spesso luoghi realmente esistenti sotto forma di sculture. Un’artista moderno.

Dom Riccobene è infatti un uomo abituato a produrre sculture 3D basate su dati reali di un determinato ambiente.

A causa dell’attuale pandemia di voi-19 (ce la saremo mica dimenticati?), l’artista non è però riuscito a fare il suo lavoro per intero: per poter passare degnamente il suo tempo, ha deciso dunque di farsi ispirare dall’ambientazione di GTA V, decidendo di ricreare San Andreas.

C’è chi nel tempo libero legge. Lui si butta a capofitto in un’opera d’arte.

Riccobene quindi ha deciso di avviare una raccolta di dati ad alta risoluzione presi da GTA V.  Li ha poi usati per creare gigantesche mappe 3D fisiche, in carne e ossa. Per riassumere il suo lavoro più che certosino, è entrato nel gioco e ha inserito uno script di codici che raccoglie e scansiona da sole le altezze del terreno entro un raggio da 500 a 1000 metri intorno al giocatore, consentendogli di ottenere oltre un milione di punti dati per scansione e di visualizzazione.

L’accuratezza dei dettagli – MeteoWeek.com

Il suo piano ,in futuro, è infatti quello di fare altrettanto con il mondo western di Rockstar Games: dato che però entrambi i titoli non generano automaticamente l’intera mappa in una volta ma lo fanno a step, è stato necessario impiegare circa 100 ore su ciascun gioco per raccogliere dati e informazioni.

In totale il processo necessario per aggiustare ogni singolo dettaglio, come i punti di elevazione ed il raccoglimento di dati sufficienti, ha richiesto oltre 400 ore totali.

L’importanza delle ambientazioni in GTA

Cosa rende GTA unico? L’ambientazione dettagliata – MeteoWeek.com
Se un’ottima caratterizzazione dei personaggi e una sceneggiatura eccezionale sono necessità fondamentali per un titolo ambizioso, la storia ci insegna che per Grand Theft Auto non sono comunque sufficienti a renderlo spaziale come ci si aspetterebbe.
Ad avere un’importanza perfino maggiore rispetto a tali elementi è infatti l’ambientazione, vero fulcro dell’esperienza videoludica.
Per qualsiasi giocatore, il posto, i dettagli, sono indispensabili per una immersione completa.
In questo aspetto GTA 5 è semplicemente il numero uno al mondo.
Los Santos non è solo un vastissimo “parco giochi” da esplorare liberamente sin dal primo istante dell’avventura, ma è un vero e proprio spaccato di Los Angeles e della California, rivisitato per il gioco stesso.
Chi è stato almeno una volta nella “città degli angeli”, come è nota L.A,  non potrà fare a meno di notare una planimetria sorprendentemente somigliante, nonché la fedele rappresentazione di tutti i posti specifici e caratteristici più rappresentativi: le gigantesche trivelle di petrolio e le torri eoliche nel deserto, la scritta “Vinewood“, l’aeroporto LSJ (parodia di “LAX”) e tanto altro ancora.
Dom Riccobene ha ammesso che ricreare San Andreas in 3D è stato il progetto più difficile a livello tecnico a cui abbia mai lavorato in vita sua, pur essendo stato anche il più divertente e impegnativo.

L’artista ha già ribadito che intende riuscire a fare un lavoro altrettanto dettagliato con il mondo di Red Dead Redemption 2, sul quale ha ammesso di aver già impiegato ben 200 ore.

Questo è probabilmente il progetto più divertente e tecnicamente difficile a cui abbia mai lavorato“, ha detto. Ora arriva la meritata pausa? Nient’affatto!