Sai già come guadagnare usando Clubhouse? Ecco tutto quello che devi sapere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:26

Il social fenomeno del momento, Clubhouse, è finalmente approdato anche in Italia. Come molti di voi già sapranno, si basa interamente su conversazioni vocali anziché su comunicazione testuale o per immagini. Come per le altre piattaforme di social network, anche su Clubhouse è possibile guadagnare: vediamo come

clubhouse
Clubhouse permetterà di guadagnare tramite un programma per content creator. – MeteoWeek.com

Lanciato a metà del 2020, Clubhouse ha raggiunto la vetta degli interessi da parte dei media soltanto verso la fine dell’anno. Il motivo di questa rapida ascesa va ricercato nella grande differenza che risiede tra esso e gli altri social principali: è basato interamente su chat vocali, organizzate all’interno di “stanze” suddivise per argomenti in cui è possibile, per l’appunto, parlare in prima persona.

Niente immagini, testo o altro dunque: dimenticatevi lo “stile Instagram”, oppure lo “stile Facebook” e affini. La piccola rivoluzione lanciata dal nuovo social ha inaugurato un autentico nuovo trend, già accolto da alcune piattaforme: Twitter ad esempio ha già introdotto il suo servizio Spaces, molto simile alle Rooms di Clubhouse.

In ogni caso, anche su Clubhouse sarà possibile guadagnare, tramite un particolare programma dedicato ai content creator. Vediamo come funziona e quali sono i requisiti.

Leggi anche: Facebook sfida ufficialmente Clubhouse: nuove funzionalità audio in arrivo

Guadagnare con Clubhouse: il programma Content Creator First

Il programma lanciato dal social per poter guadagnare sfruttando la piattaforma si chiama Content Creator First, e rappresenta al momento una vera e propria posizione lavorativa per cui candidarsi.

Tramite il programma, gli utenti potranno non solo guadagnare dalla creazione e dal sostenimento delle conversazioni nelle varie stanze, ma potranno anche ricevere strumentazione adeguata a svolgere il lavoro. In particolare, i primi fortunati potranno richiedere un iPhone, oppure AirPods Pro e tramite questi collaboreranno con il team del social per portare nuovi contenuti, sviluppare progetti e molto altro ancora.

Tra i benefit più interessanti del programma rientra anche la possibilità di ospitare personaggi di rilievo all’interno delle proprie chatroom, così da alzare il livello di qualità di un ulteriore gradino e avere l’opportunità di interfacciarsi con realtà importanti.

Tutto questo verrà fatto a fronte di un compenso, per il quale al momento non si conoscono maggiori dettagli. Non si tratterà però soltanto di una remunerazione monetaria: sarà possibile anche stringere partnership con brand e marchi importanti.

clubhouse
Al momento le iscrizioni sono chiuse. – MeteoWeek.com

Come aderire al programma

Purtroppo, al momento le iscrizioni sono chiuse: la finestra temporale per potersi proporre come content creator si è conclusa il 31 marzo. Tuttavia, accedendo al form in questione è possibile leggere chiaramente come il team sia pronto ad annunciare novità molto presto: non è escluso quindi che nelle prossime settimane verrà riaperto il form di candidatura, con la possibilità di ricevere una convocazione dalla piattaforma.

Leggi anche: Clubhouse: in Italia, i possessori di Android, accederanno solo con invito

Ci teniamo a precisare inoltre che la prima tornata di adesioni ha riguardato soltanto 20 fortunati candidati, molto ristretta: non sappiamo al momento se anche le prossime finestre di candidatura riguarderanno poche persone, o se verrà espansa la possibilità a più utenti.

Gli altri metodi di guadagno

Non si tratterà, comunque, dell’unico modo per guadagnare con Clubhouse. Il social infatti ha introdotto lo strumento Payments, con il quale si potranno ricevere delle donazioni da parte degli utenti che fanno parte della vostra stanza, in modo molto simile a quanto accade per le “mance” di Twitter.

Lo strumento più di tutti atteso assieme al programma Content Creator First, però, consiste nei biglietti d’ingresso per le stanze. I creatori potranno infatti impostare un prezzo d’accesso, un autentico “ticket” virtuale da acquistare per poter accedere al canale in questione. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli in merito, tuttavia ci aspettiamo novità sul breve periodo, dato il lancio della piattaforma anche in Italia. E, in ogni caso, non sono da escludere eventuali altri metodi di guadagno sul social: pensiamo ad esempio ai moderatori, che devono gestire una stanza e la relativa community, in modo molto simile a quanto già accade su Twitch.