Ipermatch, l’app videogioco che unisce calcio e criptovalute

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:45

Una startup italiana lancia Ipermatch, il fantasy game che unisce calcio, fintech e criptovalute in un’unica app. E non manca anche la nuova tecnologia del momento, gli NFT. Ecco di cosa si tratta

ipermatch calcio criptovalute
Ipermatch: l’app che unisce calcio, fintech e criptovalute in un videogioco – MeteoWeek.com

Se ci pensate, ogni videogioco che include delle transazioni economiche per l’acquisto di qualche oggetto – come ad esempio armi e magie – è caratterizzato da una sorta di criptovaluta. Una moneta virtuale presente nel gioco, che si guadagna completando missioni e obiettivi ed è poi spendibile in negozi sempre virtuali. Partendo da questa idea, è possibile rendere tutto ciò un po’ più reale? Con Ipermatch sì: un’app che unisce infatti calcio, tecnologia finanziaria (fintech) e criptovalute in un videogioco manageriale.

Nato da una startup tutta italiana, fondata dai neolaureati in Management e finanza Antonio Paone e Fabio Mazzero, sarà la prima in tutta Italia a a sfruttare una Initial Item Offering (“IIO”) per lanciare l’iniziativa. Come un’asta, essa permetterà ai giocatori di pre-acquistare la propria figurina digitale preferita, per iniziare ad allestire la squadra che affronterà il torneo, a caccia del colpo di mercato. Infatti, Ipermatch consiste proprio in questo: diventare il presidente-allenatore della propria squadra dei sogni per acquistare e vendere su un marketplace virtuale (ma allo stesso tempo reale) il cartellino di un campione affermato o del talento nascosto, al fine di raggiungere la vittoria finale.

LEGGI ANCHE: Hacker Field, il videogioco che ti mette nei panni dell’hacker

Ipermatch, l’app che fonde calcio e fintech: come funziona?

Vi chiederete, come avvengono gli acquisti delle varie figurine? Ovviamente con una criptovaluta, chiamata Ipercoin. Al resto ci penseranno la nuova tecnologia del momento, ovvero gli NFT (non-fungible token), e la blockchain, che garantirà in maniera immutabile e sicura le transazioni digitali effettuate con gli Ipercoin. Le figurine digitali saranno infatti degli NFT, al fine di garantire trasparenza negli scambi.

Ipermatch permetterà inoltre di aggiungere calciatori anche acquistando pacchetti casuali in cerca di rarità, rimetterli in vendita sul marketplace e di avvalersi delle Recurrent Item Offering, proprio come in una vera sessione “di riparazione” nel corso della stagione. Ogni singolo calciatore avrà un’individualità sportiva ed economica, certificata sui registri distribuiti, grazie ad un codice univoco che ne certifica la proprietà. Le prestazioni dell’atleta, nel corso del campionato di calcio reale, saranno rielaborate dall’intelligenza artificiale di Ipermatch per generare un punteggio, che permetterà alla squadra dell’utente di scalare la classifica e vincere premi interni al gioco. Al tempo stesso, la singola figurina NFT potrà diventare un vero “pezzo da collezione” per gli appassionati di Ipermatch.

ipermatch calcio criptovalute
Il marketplace virtuale di Ipermatch – MeteoWeek.com

Questa piattaforma che unisce calcio e criptovalute sarà anche una community social, dove gli utenti potranno accedere a suggerimenti per imparare a gestire al meglio la propria rosa di calciatori virtuali. Per partecipare alla prima Lega di Ipermatch basterà andare sul sito Ipermatch.it, che metterà a disposizione anche il white paper dell’iniziativa e lo spazio per creare il proprio account.

LEGGI ANCHE: Coppia si sposa su blockchain: anelli virtuali firmati NFT

I fondatori di Ipermatch sono supportati da un advisory board, composto dai professionisti di N1 Advisor (esperti in strategia e finanza d’impresa) insieme a Umberto Piattelli, avvocato di diritto finanziario. Quest’ultimo, riguardo Ipermatch ha dichiarato: “Il desiderio di socializzare attraverso i videogiochi si è affermato sempre di più in tempi di lockdown e distanziamento sociale, tanto che otto italiani online su dieci li hanno usati nel 2020. Ipermatch intende agganciare questo trend, offrendo tecnologie sicure, un’app intuitiva e una esperienza utente coinvolgente e realistica. Per questo siamo fiduciosi che i 25 milioni di tifosi-allenatori d’Italia ne potranno avvertire la portata rivoluzionaria al primo impatto”.