Come capire se la nostra connessione Internet va veloce come da contratto?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

La connessione ad Internet oggi è uno strumento a dir poco basilare per poter svolgere innumerevoli attività, non soltanto lavorative. Per questo è fondamentale poter contare su una buona velocità di connessione: ma come verificare se questa rispetta gli standard suggeriti dal contratto?

connessione internet
E’ sempre bene verificare di frequente la velocità della propria connessione a Internet, per rilevare eventuali problemi. – MeteoWeek.com

Possiamo dire con assoluta certezza che Internet ormai rappresenta uno degli strumenti basilari per la vita quotidiana di tutti noi. Navigare in Rete, oggi, significa interfacciarsi con una moltitudine di attività fondamentali che fino ad una ventina di anni fa venivano svolte senza il suo ausilio.

Oggi con Internet è possibile effettuare telefonate, anche videochiamate (un qualcosa di particolarmente utile soprattutto nel periodo della pandemia), ma anche visionare il proprio conto bancario, acquistare beni di prima necessità con consegna diretta a casa, lavorare in smart working e molto altro ancora.

Per questi e per molti altri motivi è opportuno contare su una buona connessione ad Internet sia nella propria abitazione, sia nell’eventuale luogo di lavoro. Sono molte le compagnie telefoniche che offrono contratti Internet e in tutti questi è sempre specificata la velocità di connessione: ma come possiamo verificare se la velocità effettiva coincide con quella specificata dal provider? Ecco tutto ciò di cui avete bisogno.

Leggi anche: Quali sono le differenze tra fibra e ADSL? La diffusione in Italia delle due tecnologie

Velocità della connessione a Internet: alcune informazioni di base da sapere

Anzitutto bisogna fare una prima distinzione importante, ossia quella tra la velocità massima possibile e la velocità minima garantita. Ogni provider specifica sempre questi due valori, ed è importante conoscerne i dettagli per non incappare in false aspettative.

Il primo dei due, ossia la velocità massima possibile, rappresenta la massima velocità che potrete raggiungere con quel determinato contratto. Fin qui la cosa è ovvia, dato che il nome stesso ne suggerisce il significato, ma c’è un dettaglio “nascosto”: è la velocità massima a prescindere e quindi non tiene conto dei limiti tecnici presso la vostra abitazione. Cosa significa questo? Significa che, se non siete nelle condizioni di una fibra FTTH (una connessione ultraveloce direttamente a casa vostra) la velocità dipenderà dalla distanza dall’armadio/cabinet telefonico: tanto più siete distanti dal centralino, tanto più la vostra connessione ne risentirà e sarà più lenta. Questo vale sia per la fibra FTTC (mista rame) sia per le vecchie ADSL.

In tutto questo entra in gioco il secondo fattore, ossia la velocità minima garantita: anche in questo caso il nome ne suggerisce il significato, dato che il provider deve potervi garantire una minima velocità con cui potrete navigare. Tradotto: preso questo valore non potrete mai andare a velocità inferiori, eccezion fatta per gravi disagi temporanei che potrebbero incorrere nella linea.

Come verificare se la velocità di connessione coincide con quella del contratto

Per verificare se la velocità della vostra connessione Internet rispetta gli standard del contratto, dovrete effettuare uno speedtest per misurarla. Per farlo potrete affidarvi agli strumenti messi a disposizione dalle varie compagnie, oppure ad alcuni siti esterni come Speedtest by Ookla o ancora allo speedtest di Google.

connessione internet
Una schermata dello Speedtest by Ookla. – MeteoWeek.com

Vi diamo alcuni suggerimenti per ricevere valori attendibili: è consigliato effettuare questi test con un PC collegato via ethernet (ossia via cavo) al modem, scollegando dalla rete al contempo qualsiasi altro dispositivo connesso sia via cavo, sia Wi-Fi, per non creare eventuali interferenze.

Leggi anche: Connessione internet casa: il contratto potrebbe nascondere opzioni di rallentamento

I valori restituiti da questi test dovranno essere inclusi nel range che va dalla velocità minima garantita a quella massima possibile, e rapportati alla distanza dal cabinet telefonico della vostra zona: ad esempio, se siete molto vicini al cabinet (una distanza attorno ai 50 metri) ma la velocità è dimezzata rispetto al valore massimo indicato nel contratto, potrebbe esserci qualche problema a livello di modem o di cabinet stesso e potreste dover contattare il vostro ISP.