DAZN down, addio a due partite: cos’è successo e quali saranno i rimborsi?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

DAZN è stato al centro di una vicenda decisamente spiacevole nel corso della trentesima giornata di Serie A: le due partite in programma, ossia Inter-Cagliari e Verona-Lazio, sono andate in blackout totale con la conseguente impossibilità di seguirle dall’app ufficiale. Numerose le proteste da parte dei tifosi: ecco le dichiarazioni ufficiali dell’azienda e i possibili rimborsi in arrivo

dazn
DAZN ha vissuto un importante disservizio nel corso della trentesima giornata di Serie A. – MeteoWeek.com

Sin dalla sua nascita il servizio di DAZN si è caratterizzato per una nuova modalità di fruizione dello sport in TV. In breve, il provider permette di seguire lo sport in streaming tramite un’applicazione apposita, sfruttando dunque per intero la connessione Internet e non i canali satellitari, come già accade su Sky.

DAZN e Sky oltretutto sono appena usciti – o almeno, per ora i giochi sembrano quasi conclusi – da una diatriba che ha condotto il servizio in streaming a ottenere i diritti per la Serie A nel prossimo triennio fino al 2024. Una mossa che ha colto di sorpresa un po’ tutti, generando da un lato soddisfazione verso chi cercava un pacchetto dedicato soltanto alla Serie A, e dall’altro malcontento per chi vuole seguire anche la Champions League, esclusiva Sky e Amazon Prime Video.

A tutto questo, però, si aggiungono i disservizi avvenuti nel corso della trentesima giornata del campionato di Serie A, che ha creato ulteriore malcontento tra i tifosi.

Leggi anche: Digitale Terrestre: col nuovo mese al via le molte novità per le Tv e utenti

DAZN down: l’accaduto

Nella giornata di ieri, 11 aprile, si è tenuta la gran parte delle partite valide per il trentesimo turno del campionato di Serie A. Due match in particolare sono stati programmati sulla piattaforma DAZN, ossia Inter-Cagliari e Verona-Lazio: il problema è che non sono mai andati in onda a causa di alcune problematiche tecniche al provider.

Inter-Cagliari, ad esempio, è stata visibile soltanto sul canale satellitare di Sky; sull’app in streaming (quindi anche su Smart TV, così come su tutte le altre piattaforme) è apparso ad inizio partita il messaggio “Si è verificato un problema inaspettato e i nostri tecnici stanno lavorando per sistemarlo” con la conseguente tempestiva comunicazione via social del problema in corso.

In seguito a questo, tuttavia, il disservizio non è stato risolto nemmeno dopo la fine dei match, lasciando letteralmente a bocca asciutta i tifosi delle rispettive squadre. Davvero un pessimo biglietto da visita per DAZN, soprattutto se si considera che nei prossimi tre anni dovrà trasmettere l’intero campionato di Serie A tramite questi mezzi.

dazn serie a
Il disservizio ha reso impossibile la visione di Inter-Cagliari e Verona-Lazio. – MeteoWeek.com

La nota dell’azienda e i rimborsi promessi

Sui social ha preso il via una lunga serie di (comprensibili) proteste nei confronti del provider, il quale si è scusato tramite una nota ufficiale e ha descritto il problema nel dettaglio: Il problema è derivato dal fallimento del servizio di autenticazione fornito da un nostro partner esterno che non è stato in grado di risolvere velocemente applicando le previste procedure di backup, pur avendo ricevuto da parte di Dazn informazioni tempestive e collaborazione immediata. Il nostro partner è attualmente al lavoro per risolvere una problematica che sembra coinvolgere più paesi a livello Europeo e stiamo investigando ulteriormente la natura del danno ed eventuali responsabilità.

Leggi anche: Nasce Mediaset Play Infinity per la Champions: cosa comprenderà la proposta?

L’azienda, in ogni caso, ha promesso una serie di rimborsi che sarà possibile richiedere nei prossimi giorni: “Malgrado il problema si sia ora risolto, consapevoli dell’effetto che questa situazione ha avuto soprattutto sui tifosi, offriremo opportuni indennizzi, che saranno comunicati nei prossimi giorni, a coloro che hanno riscontrato anomalie durante le partite del pomeriggio”.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera i possibili rimborsi saranno due: uno sconto sull’abbonamento oppure un periodo di abbonamento gratis, come già accaduto a novembre dopo i disservizi in Juventus-Cagliari.