Xiaomi si prepara al mondo delle auto elettriche dopo smartphone e dominio sul mondo elettronico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Xiaomi si sposta: dagli smartphone alle auto elettriche? Sembrerebbe di sì.

Xiaomi – MeteoWeek.com

Il colosso cinese Xiaomi, tra i primi cinque produttori di smartphone al mondo, ha annunciato l’ingresso nel settore delle auto elettriche.

La conferma è arrivata durante l’evento online di lancio del Mi Mix Fold, primo telefono pieghevole del gruppo, ne avevamo illustrate le caratteristiche in questo articolo.

Secondo le ultime statistiche, le spedizioni di smartphone Xiaomi nel mondo hanno raggiunto quota 146 milioni, confermandosi tra i primi 3 a livello glabale.

Gli smartphone di categoria premium hanno superato i 10 milioni di unità. Le vendite di TV hanno superato il mercato Cinese per 8 trimestri consecutivi.

Xiaomi continua a fare da capofila nel settore e a fine 2020 aveva una riserva di cassa di 108 miliardi di RMB.

Il CEO di Xiaomi, nonchè presidente e fondatore, Lei Jun, ha reso noto l’ingresso dell’azienda nel settore delle auto elettriche, un progetto che sarà controllato esclusivamente dalla stessa Xiaomi con un investimento iniziale di 10 miliardi di RMB.
Nei prossimi 10 anni Xiaomi investirà 10 miliardi di dollari.

Lei Jun sarà anche il CEO del compartimento auto e ha dichiarato: “La decisione è stata presa dopo numerose discussioni tra tutti i nostri parner. Sono disposto a mettere in gioco tutta la mia reputaione personale e lottare per il futuro del nostro veicolo elettrico intelligente. Sono determinato a guidare la mia squadra e a lottare per il successo del veicolo elettrico Xiaomi”.

Negli ultimi 75 giorni sono stati fatti 85 incontri per stabilire la strategia interna insieme a 200 esperti di settore e con il consiglio di amministrazione.

LEGGI ANCHE: Xiaomi: in Cina arriva HEYY, una nuova app per gli incontri

Le auto elettriche: la nuova sfida di Xiaomi

Lei Jun, fondatore e amministratore delegato dell’azienda, dirigerà la nuova divisione che si occuperà di mobilità elettrica.

La società con sede a Pechino partirà con un investimento iniziale di 1,5 miliardi di dollari, con la previsione di dedicarne circa 10 miliardi nei prossimi 10 anni.

Lei Jun ha dichiarato con una lettera ai dipendenti alcuni vantaggi unici per Xiaomi nella produzione di automobili.

Ha dichiarato:

“I veicoli elettrici intelligenti, (Xiaomi è già presente nel settore della mobilità ecologica con i monopattini elettrici) rappresentano una delle maggiori opportunità di business nel prossimo decennio e una componente indispensabile per il nostro futuro. Entrare in questo business è una scelta naturale per noi poichè espandiamo il nostro ecosistema AloT intelligente e adempiamo la nostra missione di consentire a tutti nel mondo di godere di una vita migliore attraverso una tecnologia innovativa”

In sostanza, evidenzia come i nuovi veicoli elettrici abbiano rivoluzionato il settore automobilistico e il suo business e Xiaomi ha una profonda comprensione del Business.

L’azienda, stando alle parole del CEO, ha una vasta esperienza nell’integrazione software e hardware ed un ottimo know-how nel settore internet, oltre ad un ecosistema smart che, in scala, è il più grande e diversificato per categoria di prodotto, oltre al più attivo.

LEGGI ANCHE: Torna Xiaomi Mi Talk: nuova concorrenza in arrivo per Clubhouse?

Xiaomi approda nel settore auto – MeteoWeek.com

Ha tecnologie di base che possono essere integrate al business delle auto elettriche.

“Il consiglio di amministrazione” si legge in una nota “ha deciso di avviare il business dei veicoli elettrici intelligenti. La società creerà una consociata interamente controllata per gestire il nuovo business. Xiaomi spera di offrire veicoli elettrici intelligenti di qualità per consentire a tutti di vivere in maniera intelligente sempre e ovunque”.

Secondo alcune indiscrezioni emerse dopo la notizia, Xiaomi potrebbe coinvolgere il produttore Great Wall Motors per assemblare i suoi veicoli.

Huawei Technologies ha già espresso l’intenzione di realizzare veicoli elettrici entro il 2021 mentre il gigante della ricerca web, Baidu, ha confermato a gennaio la previsione di una prima flotta di auto EV tramite l’utilizzo di un impianto della Geely Automobile Holdings a Hangzhou, nel Zhejiang.

Ora, è il momento di Xiaomi.