A 8 anni è un gamer professionista di Fortnite: la storia di Joseph

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Fortnite è ancora oggi uno dei titoli più giocati nel mondo. E Joseph, a soli 8 anni, è riuscito a convertire la propria passione per questo gioco in un lavoro, diventando gamer professionista.

fortnite
A soli 8 anni, Joseph è il più giovane gamer professionista nella storia dei videogiochi. – MeteoWeek.com

L’uscita di Fortnite sul mercato videoludico, avvenuta nel 2017, ha imposto dei nuovi record mai raggiunti prima. Con la complicità di una struttura di gioco relativamente semplice, coniugata allo schema dei battle royale e ad una grafica colorata e piacevole, il gioco di Epic Games si è piazzato stabilmente ai vertici delle classifiche come uno dei titoli più scaricati e giocati in assoluto.

La tematica delle battle royale, contrariamente a quanto si possa pensare, non è stata “inventata” da Fortnite, bensì da un titolo precedente, H1Z1, il quale a sua volta aveva preso spunto da alcune mod pubblicate per il titolo ARMA 2. In ogni caso, la battle royale ha riscosso un successo enorme, fino a diventare oggi un’autentica modalità di competizione negli eSports.

Joseph, gamer professionista di Fortnite a 8 anni

Gli eSports, come molti sapranno, sono tornei in cui i giocatori più bravi in un determinato videogioco si sfidano in competizioni organizzate, magari facendo parte di un team vero e proprio. Questo lo sa bene Joseph, che a 8 anni ha firmato un contratto da professionista per il Team 33, il quale aveva posato gli occhi sul piccolo campione di Fortnite.

Joseph Deen è già conosciuto nei server del gioco, data la sua grande abilità che gli aveva permesso di entrare nell’orbita della squadra professionistica. Team 33, infatti, aveva “stretto a sé” Joseph già due anni fa, quando il piccolo gamer seguiva alcuni allenamenti assieme ad altri giocatori. Con il nickname di 33 Gosu Joseph stava già dimostrando le proprie abilità, riuscendo a stupire.

Oggi, invece, Team 33 ha deciso di compiere lo step successivo e di arruolare Joseph come giocatore professionista per il proprio team. A Joseph è stato proposto un bonus di entrata di 33.000 dollari e una postazione da gioco del valore di 5.000 dollari. Davvero niente male, per un ragazzino di soli 8 anni che ha coltivato la propria passione.

fortnite
Nel settore degli eSports, Fortnite è uno dei titoli più giocati. – MeteoWeek.com

Un traguardo fortemente voluto

Il piccolo Joseph ovviamente non può che essere entusiasta dell’obiettivo raggiunto, sul quale però sembrava avere le idee chiare fin da subito. Come affermato dal giovane gamer, infatti, “mentre altre squadre non mi hanno mai preso sul serio per via della mia età, il Team 33 mi ha guidato in questo percorso concedendomi di allenarmi con loro giorno dopo giorno. Oggi non potrei essere più felice di diventare un membro ufficiale del team”.

Dalle parole espresse, sembra proprio che Joseph abbia puntato da subito sul diventare un gamer professionista, proponendosi anche ad altre squadre di eSports.


Leggi Anche:


Gli eSports, un mercato in rapida ascesa

Fortnite è solo uno dei giochi coinvolti nel mercato degli eSports, che è in rapidissima ascesa e destinato a diventare uno dei settori dell’intrattenimento nel prossimo futuro.

Sempre più piattaforme si stanno attrezzando per la trasmissione degli eSports: un caso celebre è la Serie A, che ha istituito una lega completamente dedicata al settore, con l’assunzione di gamer professionisti per ogni squadra.