Azionisti esterni chiedono controlli sui lavoratori di Amazon

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Un gruppo di azionisti di Amazon ha chiesto al consiglio di amministrazione di nominare una commissione indipendente al fine di verificare le condizioni di salute e di sicurezza durante il lavoro dei dipendenti. L’indagine sarà condotta con la collaborazione dei dipendenti di Amazon, ma anche con figure esperte in sicurezza sui luoghi di lavoro.

Amazon (Adobe Stock)
Amazon (Adobe Stock)

Secondo il gruppo di azionisti è necessaria una revisione delle pratiche di sorveglianza per via dei numerosi infortuni sul lavoro avvenuti in azienda. Lo scopo è valutare se l’aumento degli infortuni dipenda anche dalla pressione che grava sui dipendenti a causa della sorveglianza continua a cui sono sottoposti.

La richiesta del gruppo di azionisti

Il gruppo di azionisti ha presentato la richiesta ad Amazon che dice: “Mentre Amazon si impegna ad essere il ‘luogo di lavoro più sicuro della Terra’, è necessaria una revisione delle pratiche che hanno collocato l’azienda al primo posto per infortuni sul lavoro e oggetto di critiche e richieste di regolamentazione.

LEGGI ANCHE: Classifica Amazon: ecco cosa hanno comprato gli italiani nel 2021

Con le pratiche di sorveglianza e le quote di produttività collegate agli alti tassi di infortuni, incoraggiamo Amazon a disporre una verifica indipendente di queste pratiche”. Tale richiesta verrà votata durante l’assemblea annuale degli azionisti della società che si terrà nel mese di maggio. Sempre che Amazon non contesti la risoluzione.

La richiesta, depositata dal Director engagement di Domini Impact Investments Mary Beth Gallagher, mira a far rivalutare ad Amazon il suo modello di business che ha portato un elevato fatturato, ma anche alti tassi di infortuni. E’ chiaro che l’azienda presenti dei problemi di sicurezza, come è emerso durante la pandemia e dopo la morte di sei persone in un magazzino in Illinois, che è stato colpito da un tornado il 10 dicembre.

Il modus operandi di Amazon

Gli azionisti chiedono che si approfondisca se il modo in cui viene misurata la produttività dei dipendenti e la sorveglianza continua a cui sono sottoposti possano creare un ambiente di lavoro meno sicuro e stabile. Infatti, l’augurio è che questa indagine indipendente possa portare ad un cambiamento delle politiche aziendali, rendendo più sicuri i luoghi di lavoro per i dipendenti.

Amazon, infatti, ha riportato il tasso più elevato di incidenti gravi che hanno causato la perdita del lavoro o il trasferimento dei dipendenti a mansioni più leggere, rispetto ad altri lavoratori di magazzini nella vendita al dettaglio. Questo è quanto è emerso dai dati dell’Occupational Safety and Health Administration, resi noti dal Washington Post.

Denuncia di un ex magazziniere contro Amazon – MeteoWeek.com

LEGGI ANCHE: “Prova ora e paga poi”, la novità di Amazon per gli acquisti

Non resta che vedere la reazione del colosso americano a questa richiesta degli azionisti. Si spera, infatti, che la pressione di tale sollecitazione porti realmente Amazon a mantenere fede all’impegno di essere leader del settore in materia di salute e sicurezza.