Fortnite bandito dalla Cina: addio a milioni di giocatori, ecco il motivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

Fortnite dice addio alla Cina. Ecco i motivi che rallentano la crescita del Battle Royale. 

Fortnite dice addio alla Cina e rallenta la sua crescita – MeteoWeek.com

Fortnite saluta la Cina

Su una piccola isola, per sopravvivere, le persone collezionano risorse e armi, costruiscono rifugi e si nascondono.

Da questa semplicissima trama è nato Fortnite, lo sparatutto/battle Royale più famoso e giocato al mondo, che ora si vede costretto a frenare il suo successo, almeno in Cina.

Già, perché se le cose vanno a gonfie vele in Occidente, è anche vero che Fortnite sarà completamente bannato dalla Terra del Dragone.

Una notizia che proviene da iFireMonkey, utente Twitter attivo nel mondo del Battle Royale di casa Epic Games. Stando a quanto emerge dalle informazioni ottenute dall’insider, da Lunedì 1 novembre in Cina non sarà possibile accedere ai server per creare nuovi account.

Ecco il Tweet risalente allo scorso 31 Ottobre

LEGGI ANCHE: Fortnite acquisisce Dune, scatenando la reazione di Zendaya e Chalamet

Invece il 15 novembre il gioco sarà inaccessibile e i server verranno spenti definitivamente. Le motivazioni dietro questa scelta  non sono ancora state ancora svelate da Epic Games o Tencent, che possiede le quote della società di Tim Sweeney. Ma qualche ipotesi inzia a trapelare in rete.

I due possibili motivi del ban

  1. La prima ragione per cui in Cina Fortnite cesserà le proprie operazioni sarebbero da ritrovarsi nel governo cinese. Con il limite di tre ore di gioco imposto ai minorenni, i server del gioco potrebbero essere troppo costosi da mantenere con una bassa fan base.
  2. Un’altra ipotesi riguarda la stessa popolarità del gioco di casa Epic Games, che è entrato in un mercato forse troppo saturo: la maggior parte dei giocatori asiatici infatti si concentra solamente su PUBG, il primo Battle Royale ad essere diventato mainstream.

LEGGI ANCHE: Continua la guerra di Apple contro Epic Games

I numeri parlano chiaro. Fortnite è un colosso

Nel 2021 numero di utenti giornalieri attivi è aumentato del 192% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 31,3 milioni di giocatori giornalieri attivi, con un massimo di 13 milioni di utenti collegati in contemporanea (un enorme aumento rispetto ai 7 milioni del 2019).

Ha incassato ben 9 miliardi di dollari nei primi due anni, ovvero 3000 euro ogni minuto grazie anche alle vendite extra e agli accessori (skin, potenziamenti e altro).

Quindi come possiamo vedere, ban o meno, Fortnite è un successo mondiale e se continueranno gli investimenti da parte di Epic Games, il gioco manterrà a lungo la sua popolarità. L’unico motivo che potrebbe ulteriormente frenare la crescita esponenziale dell’azienda sono i possibili cavilli legislativi.

Ma è giusto ricordare che Epic Games non si è fatta intimidire nemmeno davanti alle accuse incentrate sulle microtransazioni, in quanto la app in sé è gratuita, ma per un esperienza di gioco ottimale è richiesto un pagamento.