Microsoft ora ci mostra l’Antica Grecia in formato digitale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:30

Sono stati in grado di riprodurre qualcosa di davvero speciale e attraverso la digitalizzazione. Si tratta, dunque, di un progetto volto a ricostruzione una vecchia civiltà del passato grazie agli attuali mezzi a disposizione.

Microsoft ora ci mostra l'Antica Grecia in formato digitale
L’Antica Grecia è tra le civiltà più amate e studiate di tutti i tempi, motivo per cui Microsoft ha deciso di ricostruirla – MeteoWeek.com

Avete mai pensato alla possibilità di rivedere alcune città di molti secoli fa nella nostra epoca? Magari qualcuno ha avuto effettivamente questo pensiero, ma nessuno, in particolar modo, ne aveva la facoltà per replicarle nuovamente per diverse ragioni valide.

LEGGI ANCHE: Risarcimento da 4,5 mln di dollari per aver crackato il Nintendo Switch: rischia il carcere

Microsoft, invece, non si è tirata indietro e ha continuato un progetto che avesse proprio quanto detto come scopo. Tuttavia non ha scelto una civiltà qualunque da ricreare tramite gli strumenti digitali di cui dispone, difatti ha voluto tirare in ballo la tanto amata e famosa Antica Grecia. Con più precisione: stiamo parlando di Olimpia.

In che modo ci sono riusciti

Microsoft ora ci mostra l'Antica Grecia in formato digitale
In futuro, non è detto che Microsoft non possa realizzare in digitale anche altre civiltà oltre a questa – MeteoWeek.com

Il progetto prende il nome di Ancient Olympia: Common Place. Per poterla ricreare, il Ministero della Cultura e dello Sport greco ha stretto una collaborazione con Microsoft in modo tale da poter mandare avanti l’iniziativa IA for Cultural Heritage, dove è prevista la salvaguardia, la conservazione e l’archiviazione digitale attraverso l’intelligenza artificiale.

Chiunque avrà la possibilità di visitare questi luoghi storici e ricchi di storia, facendo un vero e proprio viaggio virtuale di più di 2.000 anni per camminare lungo le strade del sito archeologico in questione. Potremo farlo da smartphone, PC o Microsoft HoloLens 2, il visore standalone di realtà mista dell’azienda.

In merito al progetto, viene anche detto che: “Questi monumenti vengono meticolosamente conservati e restaurati dal Ministero della Cultura e dello Sport ellenico. Ma necessitano anche di una conservazione digitale per garantire che tutte le prove della ricca storia e dei valori civili comuni su cui il sito è stato costruito siano consegnate alle generazioni future“.

Capiamo, dunque, che grazie alla realtà mista e all’IA sia possibile rivivere i momenti del passato per far emozionare sia il popolo greco stesso che l’intera umanità, la quale avrà l’occasione di poter vedere con i propri occhi quanto fosse interessante questa civiltà secoli orsono.

Sappiate che per via dell’incentivo all’istruzione, al turismo e all’impiego delle avanzate tecnologie attuali, è stato possibile ricostruire digitalmente ben 27 monumenti, come lo Stadio, i templi di Zeus ed Era e l’officina di Fidia. Ciò che colpisce è il realismo dei dettagli e la profonda ricerca effettuata per rendere il tutto più simile possibile.

LEGGI ANCHE: Stranger Things 4 e il nuovo trailer, Benvenuti in California, ci stuzzica con l’uscita imminente [VIDEO]

Oltretutto le ricostruzioni 3D rimangono fedeli persino alle dinamiche temporali, difatti hanno voluto sfruttare sia fotocamere che droni per la ripresa di centinaia di migliaia di immagini di diverso tipo, rielaborate successivamente dall’Intelligenza Artificiale e trasformate, infine, in modelli tridimensionali.