La cometa più grande mai vista sta viaggiando verso il nostro sole: l’impatto quasi sicuro al 100%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:30

Si chiama Bernardinelli-Bernstein, in nome degli scienziati scopritori, anche se molti l’hanno definita come la cometa più mostruosa mai conosciuta migliaia di volte più massiccia di una cometa media.

Una cometa si sta dirigendo verso la Terra - MeteoWeek.com
Una cometa si sta dirigendo verso la Terra – MeteoWeek.com

Sette anni fa, la coppia di scienziati stava perlustravano immagini ad alta risoluzione dello spazio, quando colsero fugaci scorci di un oggetto rotondo luminoso che faceva capolino da una vasta nuvola di oggetti ghiacciati, a più di 2 miliardi di miglia dalla Terra.

Come se l’intera scena non fosse abbastanza eccitante, l’oggetto sembrava essere un pianeta nano. Sbagliato. Era una mega-cometa. Si pensava che fosse larga tra le 60 e le 100 miglia, era la più grande cometa che un essere umano avesse mai visto. E sembrava dirigersi verso la Terra. Tutto giusto: Bernardinelli e Bernstein avevano scoperto qualcosa di nuovo. Quel qualcosa di noi viaggia in direzione del nostro pianeta.

Mega cometa, massimo avvicinamento al Sole nel 2031: “I grandi telescopi saranno la nostra migliore scommessa”

Un telescopio per osservare la cometa in arrivo - MeteoWeek.com
Un telescopio per osservare la cometa in arrivo – MeteoWeek.com

Il mese scorso gli astronomi dell’Università della Pennsylvania Gary Bernstein e Pedro Bernardinelli, hanno combinato i loro dati precedenti con nuovi avvistamenti dell’oggetto, confermando tutti i loro sospetti. Sì, è proprio una mega-cometa. “La mucca quasi sferica delle comete“, hanno scherzato nel titolo del loro articolo, che hanno presentato su The Astrophysical Journal Letters, lo scorso 23 settembre.

Oltre a creare uno scherzo astronomico, la cometa Bernardinelli-Bernstein è un premio molto raro e unico per qualsiasi scienziato che cerchi di ricostruire la storia del sistema solare. “In sostanza, è una macchina del tempo”, ha detto Amy Mainzer, astronoma ed esperta di comete presso l’Università dell’Arizona, in un’intervista al The Daily Beast.

Il viaggio della cometa è l’opportunità di una vita per gli scienziati ansiosi di conoscere le condizioni e gli elementi costitutivi del sistema solare. “La storia dalla cometa ci racconterebbe cosa esisteva nel sistema solare miliardi di anni fa” ha detto Bernardinelli a The Daily Beast.

Attualmente in viaggio, la Bernardinelli-Bernstein non rappresenta un pericolo per il nostro pianeta perché nel suo momento di massimo avvicinamento al Sole, nel 2031, sarà comunque lontanissima dalla Terra, oltre l’orbita di Saturno. Non potrà essere visibile a occhio nudo, ma il suo avvicinamento sarà un momento monumentale per studiare la chimica della cometa. “Una delle cose migliori di questa cometa è che abbiamo un po’ di tempo prima che raggiunga il suo massimo avvicinamento al sole – continua la Mainzer – quindi abbiamo anni per studiare come si illumina quando la sua superficie verrà esposta al calore del sole“.

LEGGI ANCHE >>> Un misterioso corpo celeste viaggia nel nostro sistema solare: che cos’è?

Tempo per prepararsi al grande impatto, ce n’è. Ma servono i mezzi adatti. “I grandi telescopi sono la nostra migliore scommessa“, suggerisce Bernardinelli. Questi includono gli stessi telescopi che gli astronomi hanno già usato per ispezionare la mega cometa dall’Osservatorio Vera Rubin. Che, si spera, dovrebbe aprire nel 2023.

LEGGI ANCHE >>> Illiad conquista altri noti marchi come Samsung e Nokia, grazie al 5G

Anche Bernstein pensa positivo e si auspica che il nuovo James Webb Space Telescope della NASA, che dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno, possa aiutare a comprendere quella mega-cometa. E i suoi segreti.