Apple non accetta i ricondizionati: ecco cosa sta succedendo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:44

Si è conclusa la class action contro Apple. Il colosso di Cupertino dovrà risarcire 95 milioni di euro per aver violato alcune norme sulla sostituzione dei device in garanzia.

Apple multata per 95 milioni di euro per la violazione di alcune leggi federali – MeteoWeek.com

Un’ accusa ad Apple lunga 5 anni

Apple sembra aver risolto una class action che dura dal 2016. L’azienda è stata messa sotto accusa per aver violato il Magnuson-Moss Warranty Act, una legge federale degli Stati Uniti che disciplina le garanzie sui prodotti di consumo. L’approvazione definitiva del tribunale è prevista per il prossimo 20 ottobre.

Cosa prevedono le condizioni di riparazione Apple?

“Durante la manutenzione del prodotto di un cliente, Apple può utilizzare parti o prodotti nuovi o ricondizionati ed equivalenti al nuovo in termini di prestazioni e affidabilità”. 

Il motivo della class action. “Equivalente al nuovo non significa nuovo”.

I consumatori hanno accusato Apple affermando che “I dispositivi ricondizionati non sono equivalenti a nuovi in ​​termini di prestazioni e affidabilità”. I querelanti dunque hanno quindi chiesto un risarcimento monetario ad Apple.

Apple, nonostante neghi che i suoi dispositivi ricondizionati siano di qualità inferiore e sostenga invece che i querelanti non sono stati in grado di dimostrare che i problemi segnalati fossero causati da parti usate, ha deciso comunque di raggiungere un accordo, evitando così il protrarsi del processo e dei costi associati.

La cifra proposta per il risarcimento è di 95 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE: Apple sta collaborando con LG? Sembrerebbe di sì, tutto per produrre uno smartphone pieghevole

A chi vanno questi 95 milioni?

Apple Care. La polizza assicurativa Apple che offre il servizio di riparazione o sostituzione del tuo dispositivo – MeteoWeek.com

Il risarcimento è da intendere destinato a tutti i residenti negli Stati Uniti che hanno acquistato un AppleCare Protection Plan o AppleCare+ a partire dal 20 luglio 2012 e che hanno ricevuto un dispositivo sostitutivo ricondizionato, secondo loro in “violazione delle politiche pubblicizzate”.

La documentazione di Apple rileva che i servizi AppleCare e AppleCare+ promettono di riparare un iPhone o iPad che presenta un difetto hardware o un danno accidentale, o di sostituirlo con un “dispositivo equivalente al nuovo in termini di prestazioni e affidabilità”. I querelanti nel caso sostengono che l’hardware rigenerato o ricondizionato non soddisfa i criteri dichiarati da Apple.

LEGGI ANCHE: Guai per Apple: AirTag a rischio phishing con la modalità “smarrito”

Se il fondo di liquidazione dovesse essere approvato dal giudice William H. Orrick, una volta detratte tutte le spese legali e altri costi amministrativi, la cifra finale del rimborso si aggirerà attorno ai 65 milioni di dollari. L’importo verrà diviso in modo equo tra tutti i membri che hanno partecipato alla class action, in proporzione al quantitativo di dispositivi sostitutivi ricondizionati ricevuti.

Restiamo dunque in attesa dei prossimi sviluppi per sapere quale sarà la decisione finale del giudice. Nel mentre, non perdetevi i nostri articoli sul mondo Apple.

Hai già aggiornato ad iOS 15? iOS 15 non sarà per tutti: Apple già nei guai

Vuoi maggiore privacy nei tuoi dispositivi? Un aggiornamento d’emergenza per proteggere la nostra privacy. Ecco l’ultima trovata di Apple