Terrore nello spazio: il modulo russo “fuma”. Tutti gli astronauti in salvo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:27

Fumo rilevato nel segmento russo ISS, si sparge dell’allarme ma l’equipaggio è al sicuro. Confermata anche una passeggiata nello spazio – tutti i dettagli

La Stazione Spaziale Internazionale, nella sezione russa, ha avuto un piccolo intoppo – MeteoWeek.com

Cosa è successo?

Fumo e odore di plastica bruciata sono stati rilevati nella sezione russa della Stazione Spaziale Internazionale, secondo l’agenzia “Rosokosmos”. Gli astronauti si stavano preparando per una passeggiata spaziale programmato. Ad un tratto avrebbero sentito odore di bruciato e si sarebbero insospettiti, hanno detto Rosokosmos e Nasa.

“Il rilevatore di fumo nell’unità Zvezda della sezione russa della Stazione Spaziale Internazionale ha suonato alle 4.55 ora russa del 9 settembre, durante il cambio automatico della batteria, e uno dei fischi ha suonato”

, si afferma in un comunicato stampa ufficiale di Roscosmos.

A quel punto, l’equipaggio ha acceso un filtro per eliminare il possibile inquinamento da fumo ed è tornato a dormire, ha detto l’agenzia spaziale russa.

L’agenzia ha anche aggiunto che “tutti i sistemi stanno funzionando normalmente”, notando che “l’equipaggio continua le sue esercitazioni esterne“, previste per giovedì pomeriggio.

LEGGI ANCHE: La Cina non si ferma e crea un Ingenuity tutto suo: così inizia la sua scalata verso Marte alle calcagna della NASA

Non è la prima volta

Questo nuovo incidente si aggiunge a una serie di incidenti avvenuti nella sezione russa della stazione ISS. La società russa responsabile della sua manutenzione ha infatti espresso preoccupazione per la sua situazione degli ultimi mesi.

A luglio, un “guasto software a breve termine” ha gettato la stazione spaziale fuori controllo per un breve periodo dopo che un modulo di ricerca è stato agganciato. Un’accensione non pianificata dei propulsori a getto del modulo di ricerca russo Nauka ha provocato una “perdita di controllo attitudinale” che è durata poco più di 45 minuti. Il malfunzionamento aveva spinto la NASA a rinviare almeno fino al 3 agosto il lancio previsto invece per la fine di luglio.

Le segnalazioni del 9 settembre e degli ultimi mesi fanno capo ad una situazione che è ormai insostenibile. Il funzionario russo Vladimir Solovyov ha infatti affermato, suo malgrado, come la ISS potrebbe subire guasti irreparabili a causa di attrezzature e hardware obsoleti. Sembrerebbe che almeno l’80% dei sistemi in volo sul segmento russo abbiano ormai raggiunto la loro “data di scadenza”, come più volte sostenuto da Solovyov, ingegnere capo della società spaziale.

LEGGI ANCHE: Scoperti i fattori che renderebbero possibile abitare su Marte: la NASA ne da conferma

Il programma spaziale programmato

 

“Domani, gli astronauti russi Oleg Novitskiy e Pyotr Dubrov si avventureranno al di fuori della stazione spaziale, per continuare le preparazioni per il nuovo modulo Nauka per le nuove operazioni. La passeggiata spaziale avrà inizio alle 10.30 ET (14.30 UT)”

Malgrado l’incidente abbia destato non poche preoccupazioni da parte dell’agenzia spaziale russa, il programma continua dunque a gonfie vele. Due astronauti russi, Oleg Novitsky e Pyotr Dobrov, hanno infatti in programma di svolgere lavori nelle vicinanze della stazione per continuare la posa dell’unità scientifica russa “Naoka” che ha attraccato con la struttura spaziale dopo circa 15 anni di ritardo.

Il modulo Naoka verrà in particolare utilizzato per gli esperimenti, come cargo e per consentire l’aggancio temporaneo di navette. Inoltre servirà come zona di lavoro per l’equipaggio.