Samsung da Recod: annuncia il primo sensore fotografico ISOCELL da 200mpx per cellulari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01

Svolta in casa Samsung. Presentato il nuovo da 200 megapixel. Nasce la fotocamera del futuro. La prima al mondo con questa risoluzione. 

Samsung presenta la fotocamera con più risoluzione al mondo su uno smartphone – MeteoWeek.com

Samsung non si arresta e continua a produrre sensori fotografici unici nel loro genere, pensati e progettati per dispositivi mobili. 

Il sensore in questione è l’ ISOCELL HP1 con una dimensione minima di 0,64 micron, sviluppato per registrare video ad una definizione che tocca gli 8K a 30 FPS, 4K a 120 fps e in Full HD (1080p) a 240 fps e in grado di scattare foto di qualità anche di notte. 

La straordinaria risoluzione da 200 megapixel inoltre, può vantare di essere la prima mai realizzata e immessa sul mercato, ottima per acquisire immagini di alta qualità in qualsiasi ambiente ci si trovi e in grado di migliorare la resa, combinando le informazioni sulla luce provenienti da più pixel vicini e formando così un’immagine più grande.

La tecnologia sviluppata dall’azienda coreana prende il nome di ChameleonCell, un’evoluzione di Tetracell e Nonacell. Questa permette di regolare la disposizione di un pixel in risposta ai cambiamenti delle condizioni di illuminazione. Il sistema accorpa i pixel a gruppi di 4 per ottenere immagini da 50 megapixel o a gruppi di 16 per fotografie da 12,5 megapixel.

LEGGI ANCHE: Laptop e Smartphone insieme? Samsung ci presenta il futuro degli schermi che si piegano due volte

ISOCELL HP1 inoltre mantiene la inalterata la qualità e la nitidezza delle immagini e fotografie anche nel caso vengano ritagliate, ridimensionate o modificate. Inoltre garantisce eccellenti prestazioni anche in condizioni di scarsa illuminazione.

Un altro aspetto di che potrebbe spingervi a dotarvi in futuro di un sensore con tanta risoluzione è la funzione zoom losses, “senza perdite di qualità”. Potendo partire da uno scatto da 200 megapixel, si possono ottenere degli scatti a risoluzione inferiore con zoom di 3 o 4x. Questo porterebbe a ottenere risultati di tutto rispetto, senza avere una fotocamera zoom dedicata. Un compromesso tra prestazioni fotografiche e prezzo.

L’altro sensore di casa Samsung è l’ISOCELL GN5, il primo sensore al mondo con 1.0μm che integra Dual Pixel Pro. La sua tecnologia permette una migliore resa e capacità di messa a fuoco automatica delle fotocamere. Nasce prettamente come fotocamera per smartphone di fascia media e monta un sensore Imx258 di casa Sony, in grado di rilevare schemi di spostamento in tutte le direzioni.

La tecnologia Front Deep Trench Isolation (FDTI) è stata aggiunta a Sony A7S III, che consente a ciascun diodo del Dual Pixel Pro di acquisire e conservare più informazioni sulla luce.

LEGGI ANCHE: Volete un tablet che sia allo stesso livello di un iPad ma ad un costo inferiore? Ecco il Samsung Galaxy Tab S7

Dunque Samsung ha lavorato duramente su due fronti: con ISOCELL HP1 ha superato i precedenti sensori di immagine in termini di acquisizione di foto, mentre con il GN5 può vantare un’eccezionale velocità di messa a fuoco automatica.

E’ risaputo che negli ultimi anni Samsung e Sony si sono dati battaglia nel settore della produzione di sensori fotografici. Ma sembra che Samsung sia riuscita nel suo intendo di ritagliarsi uno spazio in cui fare la differenza.