Ecco come cambia Poste Mobile: ora, passa sulla rete Vodafone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37

Una insolita scelta, dettata di recente da PosteMobile, prevede dei cambiamenti radicali nel gestore. Le conseguenze non sono poche e la perdita di clienti è molto probabile, motivo per cui è difficile sapere che cosa potrà succedere a breve.

Ecco come cambia Poste Mobile: ora, passa sulla rete Vodafone
PosteMobile, che in passato aveva già avuto modo di entrare in contatto con Vodafone, ha intenzione di rifarlo ancora una volta – MeteoWeek.com

PosteMobile ha deciso di collaborare nuovamente con la rete di Vodafone. Questo ha scatenato una serie di proteste da parte dei clienti abbonati, i quali sono stati contrari alle scelte dell’azienda. Il rischio che corre in primis il gestore, difatti, è quello di perdere i suoi utenti.

Per quanto le motivazioni non siano molto chiare, PosteMobile ha comunque sia scelto di approdare verso la rete Vodafone, come MVNO, in modo tale da poterla utilizzare a pieno. Difatti, essendo un operatore virtuale, cioè che non possiede una propria rete, può stipulare un contratto con i gestori telefonici ed usufruire della sua rete con il roaming nazionale.

Diversità tra MVNO ed ESP

Ecco come cambia Poste Mobile: ora, passa sulla rete Vodafone
La rete Vodafone, attualmente, è una tra le più veloci che ci sia in circolazione – MeteoWeek.com

Gli MVNO, acronimo di Mobile Virtual Network Operator, sono operatori telefonici più dinamici e che possono stringere accordi continuamente per cambiare rete. Va a seconda del tipo di offerta vantaggiosa in sostanza, e PosteMobile ne ha voluta cogliere una con Vodafone dal momento che la conosce abbastanza bene. Da queste promesse, dunque, bisogna fare delle precisazioni, cioè spiegare le differenze tra un FULL MVNO e un ESP MVNO. In base a cosa si sceglie, ovviamente, ci saranno influenze differenti sui passaggi di rete.

LEGGI ANCHE: Serie Tv, Giga internet e fibra? Solo con Vodafone family Plan Netflix

I FULL possono emettere una propria SIM e gestire interamente la piattaforma che possiedono in autonomia, in cui i passaggi di rete avvengono tranquillamente. Gli ESP, invece, sono dei piccoli gestori che costringono il cliente a sostituire la propria Sim, con una procedura simile alla portabilità del numero. Fortunatamente, PosteMobile è un FULL MVNO e non scomoderà i suoi utenti con questi processi.

Problemi di connessione

Ecco come cambia Poste Mobile: ora, passa sulla rete Vodafone
Nonostante la disapprovazione degli utenti, PosteMobile ritiene che sia comunque una buona idea quella di utilizzare le reti di Vodafone – MeteoWeek.com

In ogni caso, bisogna essere al corrente del fatto che, il passaggio graduale alla rete Vodafone, è organizzato. Per i vecchi clienti avviene lentamente, mentre per quelli nuovi è già attivo a partire da questa estate. Gli utenti, quindi, devono solo assistere, e qualora venissero riscontrati problemi sarà sufficiente riavviare la rete per riaverla funzionante.

È possibile che alcuni errori di connessione, ovviamente, persistano, visto che abitiamo in territori costituiti da monti, città e zone rurali. Per verificare se la copertura di rete prenda o meno, basterà informarsi nell’area in cui viviamo o effettuare un semplice speedtest.

LEGGI ANCHE: Marcia indietro per WhatsApp: non sarà più obbligatoria accettare l’informativa sulla privacy che ha fatto tanto discutere

Infine è doveroso ricordare che, chi acquisterà una SIM PosteMobile, si collegherà direttamente a Vodafone. Tuttavia, quest’ultima, non ha nulla a che fare con il piano tariffario o delle ricariche telefoniche del cliente. Lo stesso vale per l‘applicazione, che resta sempre e comunque la classica PosteMobile.