Cosa succede se colleghiamo un vecchio cellulare e lo usiamo come ripetitore casalingo?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:02

Esiste un modo con cui è possibile rendere utilizzabili persino i devices che non usiamo più. Difatti, è una maniera molto semplice e alla portata di tutti, anche di coloro che non hanno intenzione di riprendere tra le mani un vecchio prodotto che avrebbero giurato di non vedere nuovamente.

Cosa succede se colleghiamo un vecchio cellulare e lo usiamo come ripetitore casalingo?
Attraverso questo modo, si potrà usufruire di una connessione più veloce nella nostra abitazione – MeteoWeek.com

Solitamente, quando un nostro dispositivo smette di funzionare, tendiamo a cambiarlo con uno nuovo e appena comprato. Direi che è abbastanza normale se quello che abbiamo non riesce più a soddisfarci, no? In fin dei conti, non possiamo farci molto se, per errore, dovessimo romperlo. Però lo facciamo anche se è ancora possibile usarlo, e quindi preferiamo prenderne un altro lo stesso.

Tuttavia, quello che non sappiamo è che potrebbe essere utili in alcune circostanze particolari. Ad esempio, potremmo usarlo per migliorare la copertura della rete nelle stanze della abitazione, specialmente in quegli spazi dove prende poco. Praticamente potrebbero svolgere la funzione di ripetitori per la rete WiFi.

L’opzione in questione può essere adoperata anche sui tablet e sui computer, ma è chiaro che le procedure per eseguirla possano variare a seconda del dispositivo. C’è da dire, però, che per quanto possa essere più complesso, non avremmo gli stessi rischi di farlo su uno smartphone.

LEGGI ANCHE: Chrome diventa più facile da usare, sicuro e veloce grazie alla Beta 94

Il cellulare, difatti, potrebbe essere soggetto a surriscaldamento e ad un consumo della batteria davvero elevato. Inoltre, sforzando il dispositivo in questa maniera, rischieremmo soltanto di danneggiarlo successivamente a tal punto da non renderlo più utilizzabile. Detto questo, vediamo in cosa consiste questo metodo.

Il funzionamento dell’impostazione

Cosa succede se colleghiamo un vecchio cellulare e lo usiamo come ripetitore casalingo?
Se avete dei devices che non utilizzate più in casa, tentate questo metodo per valutarne l’efficacia – MeteoWeek.com

Adesso, immaginiamo di avere un punto della casa in cui la rete non prende bene, o addirittura non c’è praticamente mai connessione. Può essere il proprio balcone, il giardino o il terrazzo; insomma, ipotizzate quale sia oppure trovatelo. Fatto questo, attraverso i dispositivi che non usiamo più, ci basterà soltanto fare un semplice passaggio.

Sarà sufficiente trovare un’area precisa da dove amplificare il segnale, attivare la funzione Hotspot WiFi e lasciare il telefono in posizione. Ovviamente sarebbe anche il caso di metterlo vicino a noi, cosicché il segnale sorgente abbia una buona intensità.

La soluzione migliore sarebbe quella di usare un corridoio o una camera tra il modem e il posto senza copertura. Inoltre, se usassimo più devices con cui amplificare il segnale, si potrebbe rendere efficiente la connessione praticamente in tutti gli angoli della casa.

LEGGI ANCHE: È quasi realtà il doppio schermo su MacBook: ecco il brevetto che lo prevede in futuro

Attivare l’opzione è semplice: basterà andare, in generale, nelle “Impostazioni“, e poi scrivere nella barra di ricerca la funzione Hotspot WiFi o Reti. Qualora non fosse possibile cercarla, basterebbe dare un’occhiata manualmente e poi trovarla, visto che di strumenti simili non ce ne sono e quindi, ciò, facilita il compito.