Xiaomi vuole scansare Apple dal mercato Italiano e fissa un maxi evento: quando e dove poterlo seguire?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:42

Xiaomi, dopo il titolo di primo produttore di smartphone al mondo, vuole anche anticipare Apple sul mercato. E’ alle porte l’evento tutto italiano.


Xiaomi è pronta a mostrare anche in Italia le sue ultime innovazioni – MeteoWeek.com

Il colosso cinese Xiaomi ha pensato molto bene alla data del prossimo evento che si terrà online nel nostro paese con molta probabilità il prossimo 15 settembre.

C’è un motivo ben preciso dietro questa data. Si presume infatti che l’azienda di Cupertino fisserà la data del Keynote 2021 proprio il 14 settembre, il giorno precedente.

Xiaomi ha quindi fatto i compiti a casa. Ha studiato una delle regole fondamentali della comunicazione: “l’ultimo che ha la parola è quello che riesce con più facilità a farsi ricordare” e ha suscitato il giusto grado di hype, una forte aspettativa del pubblico intorno a eventi e prodotti.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi Mix 4 presentato all’evento dell’anno: uno smartphone che promette prestazioni al di sopra di Apple e Samsung

Ecco le novità più papabili per il 15 settembre 2021:

Xiaomi Mi 11T / Mi 11T Pro

Xiaomi Mi 11T / Mi 11T Pro – MeteoWeek.com

Lo Xiaomi Mi 11T dovrebbe presentarsi sul mercato con il SoC MediaTek Dimensity 1200. Lo smartphone potrebbe avere un display OLED da 120 Hz.

Per il top di gamma Xiaomi Mi 11T Pro invece si presenterebbe con un display OLED a 120 Hz supportato dal SoC Snapdragon 888. Lo smartphone dovrebbe integrare una batteria da 5.000 mAh con supporto alla ricarica rapida da 120 W. Segnaliamo inoltre la presenza del chip NFC e del sistema operativo Android 11.

Il loro arrivo in Europa è previsto tra ottobre e novembre. 

Xiaomi Mi Pad 5

Xiaomi Mi Pad 5 – MeteoWeek.com

 

Schermo LCD da 11 pollici con risoluzione 2560×1600 (2.5K) e frequenza di aggiornamento pari a 120 Hz, con luminosità massima 500 nit e supporto HDR10. La fotocamera anteriore è nella cornice, senza fori nello schermo, mentre la fotocamera posteriore ha un design simile allo Xiaomi Mi 11.

Xiaomi Mi MIX 4

Display da 6.67 pollici. Risoluzione di 2400×1080 pixel. Modulo 5G che permette un trasferimento dati e una navigazione in internet eccellente, passando per la connettività Wi-fi e il GPS.

Fotocamera da ben 108 megapixel per scatti di alta qualità, con una risoluzione di 12000×9000 pixel e video in 8K alla risoluzione di 7680×4320 pixel. Inoltre lo spessore di 8mm lo rende uno degli smartphone più sottili al mondo.

Il comparto multimediale dunque è il suo asso nella manica.

Xiaomi Mi Band 6 NFC

Xiaomi Mi Band 6 NFC – MeteoWeek.com

Ci spostiamo nella categoria wearable, la tecnologia indossabile.

Xiaomi Mi Band 6 NFC si annuncia come un elegante dispositivo smart indossabile con una serie di funzioni letteralmente “vitali” per molti clienti, tra cui il monitoraggio delle statistiche e degli impulsi del nostro corpo.

Inoltre l’interazione NFC renderà i pagamenti ancora più sicuri e completi, grazie al supporto di più banche rispetto al modello precedente.

Redmi 10/10 Pro

Redmi 10/10 Pro – MeteoWeek.com

 

La fotocamera principale ha una risoluzione di 108 megapixel, può registrare video a 4K – 3840 x 2160 pixel ed è dotata di flash Singolo. Il processore Qualcomm SM7150 Snapdragon 732G octa con supporto ai 64 bit che lavora alla frequenza di 2.3 GHz e ha un processore grafico Adreno 618.

LEGGI ANCHE: Il caricatore più veloce al mondo è firmato Xiaomi, ed è già il più venduto!

Carica batterie wireless da 100W

Carica batterie wireless da 100W – MeteoWeek.com

 

Si prospetta il carica batterie più potente al mondo.

Parliamo di un caricatore da 120W con cavo USB da 6 A con design a doppia bobina, ventola dinamica attiva solo in caso di necessità e tecnologia Qi standard. Xiaomi si è concentrata sul livello di protezione della calibrazione della corrente e le protezioni da corpi estranei, aumento eccessivo della temperatura, sovratensione, sottotensione, elettrostaticità e sovracorrente.

In questo caso però parliamo più di un’ambizione che di una soluzione concreta. Infatti per ora è ancora impossibile poterlo utilizzare a pieno, viste le ricariche supportate dagli ultimi modelli che si aggirano tra i 50W e i 67W.