Green Pass confermato: al via dal 1 Luglio, ma come si fa ad averlo e cosa serve?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:12

Al via il Green Pass per i viaggi, disponibile dal 1 Luglio. Ecco come richiederlo e come funziona.

Finalmente arriva il Green Pass – MeteoWeek.com

Il Parlamento dell’Unione Europea ha approvato il Green pass che permetterà alle persone di tornare a circolare tra i Paesi dell’Unione.

Durerà nove mesi per i vaccinati, sei per i guariti dal virus.

Il certificato sarà rilasciato gratuitamente dalle autorità nazionali e sarà disponibile in formato digitale o cartaceo con un codice QR.

Il Green Pass, o “certificazione verde”, introdotto dal decreto anti-Covid del 22 aprile 2021, sarà disponibile tramite IO, l’app della Pubblica Amministrazione, a partire dal 1° luglio 2021. IO, l’app dei servizi pubblici, già scaricata da più di 11 milioni di italiani, è utile tra le altre cose alla gestione del Cashback di Stato.

Già più di un milione di cittadini europei hanno ricevuto il certificato digitale Covid19 che consente di viaggiare tra i Paesi Ue senza dover fare tamponi o quarantene se si è vaccinati oppure se si è guariti dalla malattia.

Un’altra opzione il cui ago punta proprio sulla campagna vaccinale.

Questo perché, anche se il regolamento europeo entrerà in vigore soltanto il 1° luglio, nove Stati hanno deciso di introdurre in anticipo il documento: Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Polonia, Lituania, Grecia, Croazia e Spagna. Da un paio di giorni anche la Francia non chiederà più il tampone negativo ai turisti che hanno completato il ciclo di vaccinazioni.

E l’Italia?

LEGGI ANCHE: Microsoft lancia la Green Software Foundation, per unire tecnologia e sostenibilità

Che cos’è il Green Pass

green pass europeo, digitale e cartaceo – MeteoWeek.com

Tale certificato viene rilasciato unicamente a chi si è sottoposto al vaccino (con seconda dose confermata), a chi sia in possesso di un certificato di guarigione dal Covid o in caso di tampone negativo. Ma come funzionerà? A detta del Ministro Colao, il certificato saràdisponibile in automatico nell’app IO una volta fatta richiesta.

“Verso metà giugno saremo pronti e dal 1 luglio partirà. È un certificato, non un passaporto e forse non dovremo neppure scaricarlo ma arriverà una notifica e a chi ha l’App Io lo avrà lì dentro” parla Vittorio Colao, Ministro per l’Innovazione.

Rilasciato gratuitamente da tutte le nazioni, il Green Pass sarà ottenibile in formato digitale o cartaceo – in entrambi i casi con QR Code – verificabile in tutta Europa.

Partiamo dal presupposto che il Green Pass sarà diritto di tutti ma le modalità di utilizzo potrebbero variare sensibilmente da stato a stato. Partiamo dalla validità, che si attesta a partire dal 14° giorno dopo il completamento della vaccinazione (ovvero dopo l’unica dose del vaccino J&J e dopo la seconda dose di AstraZeneca, Pfizer e Moderna).

Lo stesso vale per chi è guarito dal Covid e ha ricevuto una sola dose di vaccino, considerata sufficiente per essere protetti.

LEGGI ANCHE: Green Pass: è diatriba aperta, il rifiuto dei medici e le difficoltà per usarli.

Cosa succede in Italia

green Pass in Italia: come si ottiene? – MeteoWeek.com

L’Italia invece, pur essendo tecnicamente pronta ad allacciarsi al portale europeo dei certificati, non ha ancora iniziato a distribuirlo e aspetterà i primi di Luglio.

Le Certificazioni verdi Covid19 che sono attualmente in vigore valgono soltanto sul territorio nazionale per gli spostamenti tra le regioni rosse o arancioni. Chi arriva dall’estero, anche se vaccinato, deve sottoporsi al tampone nelle 48 ore precedenti l’arrivo in Italia.

Dopo l’adozione del Green Pass europeo, i paesi UE non potranno imporre restrizioni di viaggio come quarantene, auto-isolamenti o tamponi, a meno ovviamente di casi speciali.

A livello italiano il Green Pass è attualmente necessario per visitare gli anziani nelle case di riposo (Rsa) e dal 15 giugno servirà per le già citate feste di nozze.