Come prepararsi e quali consigli seguire per l’eclisse Solare di Giugno?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:24

Ecco una piccola guida per prepararsi all’eclisso solare del 10 Giugno. Come guardarla, quando e che materiali usare per non rovinare la vista.

Eclissi di giugno: ecco come prepararsi – MeteoWeek.com

Giovedì 10 giugno ci sarà la seconda eclissi dell’anno e la prima eclissi solare del 2021.

Sarà un “anello di fuoco” (o eclissi anulare), nel quale è visibile una parte del Sole, in forma di anello luminoso attorno al disco oscuro della Luna.

Questo accade perché la Luna non è abbastanza lontana dalla Terra per coprire il Sole nella sua interezza, come fa durante le eclissi totali.

Ne avevamo parlato specificatamente in questo articolo.

L’eclissi inizia alle 8:12 UTC (Coordinated Universal Time) del 10 giugno, le 10:12 ora dell’Europa Centrale (anche in Italia).
Poiché si verifica molto a Nord, il percorso del fenomeno ruota insieme con la Terra.

L’eclissi finirà tre ore dopo, alle 13:33 ora italiana.

Alcune parti della Siberia lo vedranno ancora per qualche ora.

Chi potrà vederla per intero?

Solo una piccola parte del Canada e della Groenlandia vedrà l’eclissi totale anulare. Il resto del mondo lo vedrà solo parzialmente. Sarà visibile in Europa Occidentale e nel nord dell’Europa Orientale, in Russia, Siberia e Asia Centrale.

Da noi, veramente uno spicchio e per una manciata di minuti, ma è uno spettacolo che non potete assolutamente perdere.

Vi spieghiamo come e dove guardarlo.

LEGGI ANCHE: L’italiano “Mago” dei Lego viene convocato dalla NASA per un progetto incredibile

Guida per l’eclissi: come guardarla e dove

Foto e video per documentare l’eclissi – MeteoWeek.com

Sono diverse le località, più o meno grandi, che solitamente beneficiano di una visione totale dell’evento. Ma per scegliere quella più adatta a voi dovete prendere in considerazione diversi fattori:

  • il tempo/clima. Un cielo limpido e soleggiato è fondamentale per riuscire a vedere bene l’eclissi, ma considerato che dovrete prenotare con molto anticipo per trovare posto è difficile sapere con esattezza se quel giorno troverete bello o cattivo tempo. Informandovi su internet riuscirete a capire in quali località è più facile che ci sia bel tempo e quali invece presentano un tasso più elevato di precipitazioni o sono più soggette a foschia. Vi consigliamo anche di consultare le previsioni meteo a partire da una settimana prima dell’eclissi per valutare se sia il caso di modificare il programma e magari raggiungere in macchina una località vicina dove il tempo è migliore. D’altra parte però non fate nemmeno troppo affidamento a queste previsioni, perché anche qualora fosse pronosticato un cielo nuvoloso magari si tratta semplicemente di nuvole passeggere che non interferiscono nella visione dell’eclissi.
  • La durata dell’eclissi solare. L’eclissi non ha la stessa durata in tutte le località: in alcuni luoghi è visibile per 2 minuti e 40 secondi, mentre in altre addirittura per soli 30 secondi! Cercate di optare per un luogo dove la durata sia di almeno 2 minuti, così avrete tutto il tempo necessario per osservare il fenomeno con calma e scattare foto o fare video.
  • La visibilità (se totale o parziale). Pur essendoci tante località nel percorso dell’eclissi, da molte di esse il fenomeno è visibile solo parzialmente perciò informatevi su quali sono i luoghi migliori in cui ammirare il “Sole Nero”.

Documentatevi in merito all’eclissi solare

Prima cosa, documentarsi SEMPRE – MeteoWeek.com

Avviene quando il Sole, la Luna e la Terra sono allineati e la Luna blocca i raggi solari che raggiungono il nostro pianeta.

Può essere osservata come fenomeno parziale o totale, in base alla vostra posizione geografica e se questa ricade o meno all’interno del cono “d’ombra” (la piccola porzione di Terra colpita dall’ombra proiettata dalla Luna) o “di penombra” (la porzione periferica del cono d’ombra).

Le eclissi totali sono possibili perché il Sole è 400 volte più lontano dalla Terra rispetto alla Luna e 400 volte più grande rispetto al nostro satellite; di conseguenza, le dimensioni apparenti dei due corpi celesti sembrano quasi identiche dalla nostra prospettiva.

LEGGI ANCHE: Stiamo inviando orsi d’acqua e calamari nello Spazio: sapete perché?

Realizzate un dispositivo di osservazione o una camera oscura.

Potete realizzarli entrambi senza difficoltà, rappresentano di solito il metodo più semplice e sicuro per vedere un’eclissi, dovendo tra l’altro sostenere solo il costo di un cartoncino spesso o di un cartone.

L’aspetto negativo di questi dispositivi è costituito dal fatto che producono immagini molto piccole, ma sono l’ideale per i bambini che possono divertirsi nel processo di costruzione della camera oscura e nel suo utilizzo.

  • Praticare un piccolo foro al centro di un cartoncino usando una spilla o una puntina da disegno. Mettere un secondo foglio di carta a terra, che fungerà da schermo su cui proietterete l’immagine dell’eclissi.
  • Rivolgete le spalle al Sole e tenete  il cartoncino con il foro a 60-90 cm dal terreno, sopra la spalla o vicino al fianco. Verificare che la testa non copra il buco. Dovreste tenere il cartoncino in direzione del Sole, mentre guardate lo schermo appoggiato a terra.
  • Quando il proiettore è ben allineato, dovreste vedere un cerchio perfetto sul cartoncino tenuto a terra. Se il cerchio ha un contorno poco definito, allontanate o avvicinate il cartoncino forato per mettere a fuoco l’immagine.
  • Quando avviene l’eclissi, il cerchio diventerà piccolo e assumerà la forma di mezzaluna, se si tratta di un fenomeno parziale. In caso di eclissi totale, il cerchio diventerà una “O” dal bordo sottile.
  • Potete  anche usare una macchina fotografica con foro stenopeico per osservare l’eclissi.

Usare occhiali da saldatore

Un altro strumento utile per osservare il sole sono gli occhiali da saldatore, reperibili nei negozi di ferramenta o in quelli specializzati per la sicurezza. Anche questi non sono molto costosi, ma è importante verificare l’indice di protezione che deve essere pari o superiore a 14.

Occhiali del cinema 3D

Occhiali 3D – MeteoWeek.com

Vi ricordate i bei tempi al cinema, con i film in 3D? Ecco, gli occhialini che avete tenuto come ricordo possono tornarvi molto utili! Ottimi per guardare un’eclissi. Così come il film delle pellicole per le vecchie macchine fotografiche.

LEGGI ANCHE: L’Italia paese guida per Internet sulla Luna: a cosa servirà e perche tanta importanza?

Fare tante foto e video!

Sicuramente le sensazioni che proverete saranno indimenticabili, ma difficili da descrivere  dunque rivivere quegli istanti attraverso foto e video vi aiuterà (anche per postare una foto sui social).

E inoltre vi permetterà anche di mostrare quello spettacolo ad amici e familiari che sono rimasti a casa. Oltre a riprendere il fenomeno, fate anche un po’ di scatti e video del luogo in cui vi trovate e delle persone con cui state condividendo quel momento.

Fate attenzione però, vi sconsigliamo di concentrarvi sul fare la foto perfetta dell’eclissi. Infatti durante il fenomeno conviene godervelo appieno, senza pensare ad altro, quindi in quel momento potete posizionare la macchina su un punto stabile o su un treppiede così potete semplicemente avviare il video.