L’Italia paese guida per Internet sulla Luna: a cosa servirà e perche tanta importanza?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:32

L’iniziativa Moonlight mira a portare Internet sulla Luna per favorire le comunicazioni future, tutto firmato Italia.

Internet sulla Luna – MeteoWeek.com

Internet sulla Luna? Ebbene sì.

Sembra un film, stile Star Wars: banda larga sulla Luna, ma somiglia sempre di più al nostro futuro.

L’Italia infatti guarda alla Luna e punta a diventare la guida di uno studio internazionale per la creazione della rete Internet sul nostro satellite.

Il contratto per lo studio di fattibilità è stato siglato ieri 22 Maggio, tra l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Telespazio, una joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%), nel ruolo di guida di un consorzio internazionale.

A partecipare alla missione ci sono inoltre gli operatori satellitari Inmarsat e Hispasat.

E poi anche aziende del settore e importanti centri di ricerca nostrani, come il Politecnico di Milano e SEE Lab SDA Bocconi. Insomma, ancora una volta l’Italia si trova alla guida di un’iniziativa davvero importante per la scalata spaziale.

Il nuovo progetto mira a far sbarcare sulla Luna i servizi di comunicazione e posizionamento satellitari che utilizziamo ogni giorno sulla Terra e sarà una rivoluzione per le future missioni degli astronauti sul satellite.

LEGGI ANCHE: Un hotel nello Spazio? Forse arriverà prima di quanto noi immaginiamo

In cosa consiste la missione

Sappiamo che il decennio appena iniziato vedrà di nuovo l’uomo sulla Luna, questa volta con l’obiettivo di restarci“, ha detto Luigi Pasquali, amministratore delegato di Telespazio e coordinatore delle Attività spaziali di Leonardo. “Il nostro satellite” ha proseguito “vedrà una presenza stabile di uomini, donne e robot impiegati per attività di vario tipo, sia scientifiche che commerciali, e sarà allora necessario garantire servizi essenziali a queste operazioni, in particolare connettività, comunicazioni e posizionamento”.

Un progetto tutto italiano – MeteoWeek.com

Si stima che nei prossimi anni partiranno almeno ottanta nuovi progetti, sia pubblici che privati, per l’esplorazione e lo sfruttamento lunare e per rispondere a queste nuove esigenze l’Esa ha lanciato l’iniziativa ’Moonlight’, che ha visto ieri l’avvio di due studi paralleli di fattibilità.

Uno dei progetti, ovviamente, è guidato da Telespazio, mentre l’altro è stato affidato alla britannica Surrey Satellite Technology.

Entrambe le associazioni avranno a disposizione un solo anno per elaborare una proposta valida da presentare al Consiglio.

L’importante è tenere conto delle esigenze sia delle agenzie spaziali sia degli utenti commerciali che hanno intenzione di intraprendere una serie di attività sulla Luna.

Stando a quanto riferito da Pasquali, infatti, si parla anche di “possibili sviluppi per settori come quello alimentare, della moda e dei materiali“.

La Ministeriale 2022, la riunione dei rappresentanti governativi delle nazioni partecipanti a Esa, valuterà infine le proposte per poi giungere a un piano operativo finale.

Gli italiani al progetto – MeteoWeek.com

LEGGI ANCHE: 4G installato sulla Luna: ecco perché il progetto di Nokia è fondamentale per la NASA

Elodie Viau, di ESA, ha invece commentato così l’iniziativa: “Un collegamento permanente con la Luna permetterà a tutti i nostri partner internazionali, comprese le società con fini commerciali, di esplorare lo spazio in modo sostenibile. […] Gli esploratori potranno navigare senza problemi e trasmettere sulla Terra tutte le conoscenze acquisite. Un servizio di telecomunicazioni e di navigazione robusto, affidabile ed efficiente abbatterà i costi delle dozzine di missioni in programma sulla Luna e permetterà anche a nazioni più piccole di esplorare lo spazio, ispirando la prossima generazione di scienziati e ingegneri“.