Un’autostrada che ricarica auto elettriche: l’avveniristico test della BreBeMi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:14

La società BreBeMi ha annunciato l’avvio di un pioneristico progetto che renderà una corsia dell’autostrada A35 in grado di ricaricare le auto elettriche. Ecco come

brebemi auto elettriche
Il progetto presentato da BreBeMi – MeteoWeek.com

A parere di molti, il futuro della ricarica elettrica per le auto non sarà la colonnina. Ed effettivamente gli ultimi progetti presentati da alcune società vanno proprio in questa direzione. Tra questi rientra indubbiamente quello della BreBeMi, ovvero la società che gestisce l’autostrada A35, che collega Milano e Brescia. Recentemente, BreBeMi ha infatti annunciato l’avvio di un grande progetto che renderà una corsia della A35 in grado di ricaricare i veicoli elettrici, grazie ad una serie di dispositivi elettromagnetici posti sotto l’asfalto.

Dall’autunno, il progetto “Arena del Futuro” verrà sperimentato in un tratto di circa 1,1 km a Chiari, in provincia di Brescia. Esso sarà basato sulla cosiddetta DWPY (Dynamic Wireless Power Transfert line) e alimentato con una potenza elettrica di 1MW, ma riguarderà un tratto esterno all’autostrada. Per la sua realizzazione, BreBeMi sta lavorando in sinergia con ben 10 aziende (ABB, Electreon, Fiamm Energy Technology, IVECO, IVECO Bus, Mapei, Pizzarotti, Prysmian, Stellantis, TIM) e tre università (Politecnico di Milano, Università Roma Tre, Università di Parma). La cordata di partner, afferma BreBeMi, “lavorerà congiuntamente nei prossimi mesi per dimostrare l’efficacia e l’efficienza delle tecnologie relative all’alimentazione di automobili, autobus e veicoli commerciali elettrici mediante carica induttiva dinamica senza contatto”.

LEGGI ANCHE: Airo, l’auto elettrica che ripulisce l’aria e si trasforma in una stanza mobile

L’obiettivo ultimo è quello di sviluppare un innovativo sistema di mobilità delle persone e delle merci a zero emissioni lungo corridoi di trasporto autostradali. Ma non solo: il progetto prevede anche l’implementazione del 5G per garantire la massima sicurezza stradale e ottimizzare la produttività dei veicoli commerciali.

Per i primi test verranno utilizzate due auto elettriche Stellantis e un bus IVECO. Sul breve tratto verrà sperimentata anche la guida autonoma, proprio attraverso la tecnologia 5G di TIM.

BreBeMi: la prima autostrada italiana che ricaricherà le auto elettriche

brebemi auto elettriche
Un tratto dell’autostrada A35 presso Caravaggio (BG) – MeteoWeek.com

Più concretamente, BreBeMi prevede che con Arena del Futuro diverse gamme di veicoli elettrici in ambiente statico e dinamico (quindi anche fermi) potranno essere ricaricati su alcuni tratti della A35. L’ottimizzazione della pavimentazione stradale li renderà più durevoli, al fine di non alterare l’efficienza della carica induttiva.

Nel tratto che verrà testato in autunno saranno quindi applicati dei dispositivi elettromagnetici che saranno in grado di trasferire elettricità alle batterie dei veicoli elettrici in modalità completamente wireless, similmente a come avviene per i dispositivi di ricarica wireless degli smartphone. Naturalmente, non si tratta di un progetto che vedrà applicazione concreta in tempi brevi. “L’unicità di questo rivoluzionario progetto è quella di veder scendere in campo congiuntamente, per la prima volta al mondo, un pool di importanti realtà industriali internazionali affiancate da prestigiose Università e Istituzioni, con lo scopo di analizzare tutti i dati che emergeranno durante i prossimi mesi di lavoro e di studio relativi a questa avveniristica tecnologia”, afferma la società gestore dell’autostrada A35.

LEGGI ANCHE: Urbanista Los Angeles, le prime cuffie true wireless che riescono ad auto-ricaricarsi

Inaugurata il 24 luglio 2014, la BreBeMi ha un’estensione di 62,1 km e ha ridotto notevolmente i tempi di percorrenza tra Milano e Brescia (in quanto non passa da Bergamo); allo stesso tempo ha sfoltito il grande traffico presente sul tratto Milano-Bergamo dell’autostrada A4, percorso mediamente da 100.000 veicoli al giorno.