Airo, l’auto elettrica che ripulisce l’aria e si trasforma in una stanza mobile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Dalla Cina ecco Airo, l’auto elettrica che ripulisce l’aria delle città dallo smog aspirando i fumi delle altre vetture e si trasforma in una stanza mobile per mangiare e dormire

airo auto elettrica
Airo, l’auto elettrica 100% green che ripulisce l’aria delle città dall’inquinamento – MeteoWeek.com

Il Salone dell’Auto di Shanghai non è ancora iniziato, ma in questi giorni di conferenze stampa stanno già venendo a galla molte novità interessanti. Una di queste riguarda la casa automobilistica cinese IM Motors, fondata da SAIC Motors, Zhangjiang Hi-Tech e il colosso dell’e-commerce Alibaba. Nella fattispecie, IM Motors ha annunciato la presentazione di Airo, un’auto elettrica 100% green non solo a zero impatto ambientale, ma addirittura in grado di ripulire l’aria.

Infatti, oltre ad essere a emissioni zero durante la marcia, questa vettura potrà ripulire l’aria “aspirando” lo smog delle città, causato dagli altri veicoli. Ma non solo: Airo sarà anche una vettura a guida autonoma – con tecnologia quasi certamente Nvidia – e sarà trasformabile in un vero e proprio salotto viaggiante. Insomma, una sorta di stanza mobile utile anche per mangiare e dormire.

Vediamo quindi più nel dettaglio in cosa consiste questa auto elettrica rivoluzionaria, ideata dal designer inglese Thomas Heatherwick.

LEGGI ANCHE: Aptera Paradigm, l’auto elettrica ad energia solare che non si ricarica

Airo, l’auto elettrica che aspira e ripulisce l’aria

A tal fine, Airo è dotata di filtri HEPA (high-efficiency particulate air), ovvero un sistema di filtraggio ad alta efficienza contro il particolato, presente già in alcune auto circolanti e persino in alcuni modelli di aspirapolvere ciclonici. Tuttavia, al momento, le auto dotate di filtri HEPA puliscono l’aria destinata all’abitacolo. Airo, invece, fa di più: il filtro verrà utilizzato per pulire l’aria esterna all’auto (assorbendo le particelle nocive emesse dalle altre auto a benzina o gasolio) e immetterla nuovamente nell’ambiente circostante.

Airo sarà quindi un’auto elettrica anti-inquinamento, che – se utilizzata da molti – potrebbe migliorare notevolmente la qualità dell’aria nelle grandi città, inondate dallo smog.

Ma è anche una stanza mobile

airo auto elettrica
Airo trasformata in un mini salotto – MeteoWeek.com

Come detto prima, sul piano dell’organizzazione interna degli spazi, Airo segue il trend tracciato per il futuro dei veicoli: per questo sarà trasformabile in una stanza mobile, utile per molte esigenze. I sedili saranno infatti rotanti, e una volta posti uno di fronte all’altro sarà possibile aprire un tavolo a quattro ante per creare uno spazio da pranzo. Ma c’è di più: i sedili sagomati si reclinano completamente per creare un letto matrimoniale, dando quindi vita ad una camera da letto. Il tetto in vetro dell’auto potrà essere impostato in modalità opaca, in modo da creare uno spazio privato.

airo auto elettrica
La “modalità notte” di Airo – MeteoWeek.com

Progettato per affrontare contemporaneamente la carenza di spazio globale, Airo è anche una stanza multifunzionale con spazio extra per pranzare, lavorare, giocare o persino dormire”, afferma Heatherwick. “Come una nuova stanza per le nostre vite, Airo è un’auto destinata a trasportarci verso un futuro migliore e con meno inquinamento”.

La guida autonoma

Heatherwick riferisce inoltre che Airo si guiderà da sola, grazie ad evolute tecnologie di guida autonoma. Al momento non si sa altro in merito, se non che sulle auto già in produzione di IM Motors viene utilizzata la tecnologia di Nvidia. Essa consiste in un sistema basato su 12 telecamere ad altissima definizione per una visione a 360 gradi; 5 radar ad onde millimetriche e 12 radar ad ultrasuoni.

LEGGI ANCHE: Nimbus Halo: lo scooter hi-tech a tre ruote comodo come un’auto

Infine, oltre all’auto, è stata progettata anche una avveniristica stazione di ricarica curva, in acciaio e con cavi retrattili.

Airo verrà prodotta da IM Motors a partire dal 2023. Sarà l’auto del futuro? Lo sapremo nei prossimi anni.