WhatsApp e le prime problematiche con la nuova informativa sulla Privacy

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:32

Dal 15 maggio Whatsapp ha cambiato l’informativa sulla privacy, di cui si è tanto parlato da quasi sei mesi a questa parte. Ecco cosa succederà se non si accettano le condizioni.

Le nuove informative privacy su Whatsapp – MeteoWeek.com

Dopo mesi e mesi di trattative, Whatsapp ha finalmente rilasciato la nuova informativa della privacy che ha fatto storcere il naso a molti.

Ne avevamo parlato in diversi articoli, tra cui qui e qui .

Proprio per evitare fraintendimenti, i gestori della popolare piattaforma di messaggistica hanno predisposto un’apposita pagina di supporto che illustra in maniera dettagliata cosa succederà qualora si dovesse decidere di non accettarli.

WhatsApp rassicura comunque gli utenti europei, spiegando di voler implementare nuove funzioni, del tutto facoltative, per chattare e fare acquisti con le aziende su WhatsApp.

E’ questa la parola chiave su cui la società batte: i messaggi personali, quindi non business, continueranno sempre ad essere protetti dalla crittografia end-to-end, e WhatsApp non potrà mai né leggerli né ascoltarli.

Lo scopo principale della nuova informativa è illustrare in modo più chiaro e dettagliato quali informazioni possono essere condivise, sempre su base volontaria, la novità ha sollevato critiche, non solo da parte degli utenti, perché di fatto, non accettando i nuovi termini e l’informativa, si perde la possibilità di utilizzare la popolare piattaforma di messaggistica.

Vediamo cosa succede se non si accettano le condizioni.

LEGGI ANCHE: Sapete già come usare 2 account di WhatsApp sullo stesso cellulare?

Cosa succede se si clicca “Non acconsento”

La pagina ufficiale di supporto chiarisce che non verrà precluso di colpo l’accesso a WhatsApp, si tratterà di un processo graduale che richiederà alcune settimane. Nel frattempo, però, l’accesso alle funzionalità di WhatsApp sarà effettivamente limitato.

Superato questo termine, il banner diverrà permanente.

Da quel momento in poi l’utente non potrà più accedere all’elenco delle chat, ma potrà continuare a rispondere alle chiamate e alle videochiamate in arrivo.

Cosa cambia – MeteoWeek.com

Se le notifiche sono abilitate, le si potrà toccare per leggere o rispondere ai messaggi, o richiamare in caso di chiamata o videochiamata persa.

Dopo alcune settimane ancora, invece, non si potranno più ricevere chiamate in arrivo o notifiche. Peraltro, in questa ultima fase WhatsApp interromperà l’invio di messaggi e chiamate al proprio telefono.

Un riassunto delle limitazioni quindi, è d’obbligo.

  • Non si potrà accedere all’elenco delle chat, si potrà però rispondere a chiamate e videochiamate in arrivo. Chi ha abilitato le notifiche potrà leggere e rispondere ai messaggi o richiamare in caso di chiamata e videochiamata persa;
  • Dopo alcune settimane con funzionalità limitate, non sarà più possibile ricevere chiamate in arrivo o notifiche e WhatsApp interromperà l’invio di messaggi e chiamate;
  • Sarà possibile esportare le chat e scaricare un rapporto dell’account (è possibile contattare direttamente WhatsApp per chiedere eventuale assistenza al riguardo, oppure seguire le istruzioni riportate nelle pagine di supporto ufficiali, qualora si intenda procedere in autonomia: come scaricare la cronologia su Android e iOS e come scaricare il rapporto).

In molti studi legali hanno però sottolineato come tutte queste informazioni appaiano lacunose, fuorvianti, generiche e, a tratti, addirittura contrastanti.

Già questo, secondo i più, dovrebbe bloccare le nuove politiche sulla privacy imposte da WhatsApp, perché un testo non chiaro violerebbe di per sé l’ormai collaudato GDPR.

LEGGI ANCHE:WhatsApp, in arrivo i messaggi effimeri che si autocancellano dopo 24 ore

120 giorni prima dell’account bloccato – MeteoWeek.com

Accettare significa consentire a WhatsApp di condividere dati con Facebook.

Questo consenso, però, verrebbe manifestato dall’utente all’interno di WhatsApp, e solo questo servizio sarebbe autorizzato al trattamento. Facebook, allora, avrebbe bisogno di un secondo consenso per trattare i dati inseriti dagli utenti su WhatsApp.

WhatsApp applicherà comunque la regole previste per gli account non attivi, ciò significa che saranno eliminati gli account dopo 120 giorni di inattività (per inattivo si intende l’account che nel periodo in oggetto non stabilisce mai una connessione Internet con WhatsApp).

Ergo, se non si accettano le condizioni, Whatsapp limiterà sempre di più il vostro account fino a renderlo inutile e inutilizzabile.