COSMO-SkyMed la costellazione (artificiale) che salvaguarda il pianeta Terra direttamente dallo Spazio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

COSMO-SkyMed è il più ambizioso programma di osservazione satellitare terrestre mai realizzato dall’Italia per la prevenzione dei disastri ambientali, per lo studio della superficie terrestre e per la sicurezza.

I satelliti SkyMed sono una tecnologia in partnership con ASI – MeteoWeek.com

Si tratta di quattro satelliti in grado di scrutare la Terra prevedendo frane e alluvioni o per esempio a coordinare i soccorsi in caso di terremoti o incendi. Sviluppato dall’ASI in cooperazione con il Ministero della Difesa, i moduli COSMO-SkyMed sono dotati di radar ad apertura sintetica (SAR) che lavorano in banda X, in grado di vedere attraverso le nuvole e in assenza di luce solare. Il sistema è in grado di effettuare fino a 450 riprese al giorno della superficie terrestre, pari a 1.800 immagini radar, ogni 24 ore.

Questi satelliti possono operare in modalità spotlight concentrandosi su un’area di pochi km quadrati, e osservandola con risoluzione fino al singolo metro, in modalità stripmap, osservando una striscia continua di superficie terrestre, o scanSAR, coprendo uno spazio fino a 200 km di lato della superficie terrestre. Sono però necessari dei tempi di configurazione affinche “la costellazione” di satelliti possa ottenere immagini dell’area desiderata: da 72 ore quando si opera in condizioni di routine, fino a meno di 18 ore in condizioni di emergenza.

Attualmente, nessun sistema satellitare può vantare caratteristiche così avanzate. Il primo satellite della costellazione è stato lanciato all’inizio di giugno 2007 dalla base statunitense di Vandenberg, in California, da dove nel dicembre dello stesso anno è partito anche il secondo. Il terzo satellite e il quarto satellite sono stati lanciati rispettivamente un’anno e tre anni dopo il secondo completando il loro lancio dalla stessa base negli USA.

Il Sistema COSMO-SkyMed include anche un Segmento di Terra composto da infrastrutture per la gestione ed il controllo dell’intera costellazione per la ricezione, archiviazione, elaborazione e distribuzione delle informazioni reperite dal sistema. Questo progetto consente la copertura globale del nostro pianeta operando in qualsiasi condizione meteorologica e di illuminazione (giorno/notte) fornendo immagini geolocate ad elevata risoluzione spaziale con tempi di risposta rapidissimi.

Inoltre è stato concepito come un sistema multi-missione in grado di integrarsi con altri sistemi spaziali allo scopo di soddisfare le esigenze di una comunità sempre più in crescita in questo campo può operare in modalità Routine, nella quale la pianificazione viene effettuata ogni 24 ore o nella modalità Crisi nella quale la pianificazione viene ridotta a 12 ore. In modo da definire e coprire le aree con priorità assoluta. Infine la modalità Emergenza attivata solamente in circostanze eccezionali ottiene un’acquisizione del sistema nel più breve tempo possibile.

Ricostruzione di uno dei 4 satelliti COSMO-SkyMed – MeteoWeek.com

Alcuni esempi di applicazione che è in grado di fornire il sistema COSMO-SkyMed (su scala planetaria) vanno da informazioni a scopo del tutto innovativo per lo studio come il controllo dell’ambiente. Operando con dati di diversa natura, satellitare e non, rende possibile un crescente numero di applicazioni quale La prevenzione e la gestione dei disastri ambientali migliorando l’attuale capacità di monitoraggio e di valutazione dei danni nel caso ad esempio di frane, alluvioni, terremoti ed eruzioni vulcaniche.


Leggi anche: 


Il controllo degli oceani e delle coste possono ottenere informazioni in continue e precise sullo stato delle coste, dei mari e delle acque interne al fine di valutare fenomeni di erosione costiera e di inquinamento. Il sistema rappresenta inoltre un valido aiuto per il controllo del traffico marittimo. Il controllo delle risorse agricole e forestali con un occhio di riguardo al controllo del patrimonio forestale e boschivo, la cui distruzione porta notevoli danni alla qualità dell’aria ed al pianeta terra.