Switch off al digitale terrestre DVB-T2: decine di milioni di TV da sostituire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

Entro il giugno 2022, con lo switch off al digitale terrestre DVB-T2 oltre 30 milioni di apparecchi televisivi risulteranno obsoleti. E il mercato non può reggere l’urto

switch off tv
Lo “switch off” al DVB-T2 è sempre più vicino – MeteoWeek.com

Si avvicina sempre di più lo switch off al nuovo digitale terrestre DVB-T2, in programma a partire dal 2021, che, come prevedibile, porterà ad una mole massiccia di sostituzioni di apparecchi televisivi ormai “obsoleti”. Lo scorso anno, secondo i dati di Auditel, si contavano 30 milioni di TV e decoder da sostituire, perché non in grado di agganciare le nuove frequenze. Ma non è finita qui, perché secondo la Confindustria, ben 9 milioni di questi apparecchi non sono adeguati nemmeno per la prima transazione che porterà allo switch off all’HD, ad inizio 2021.

Un mercato in rallentamento

Essendo veramente eccezionale la quantità di TV non più adatte, può il mercato della vendita di televisori riuscire a “fornire” un numero così elevato di pezzi? Innanzitutto va evidenziato che negli ultimi due anni si è assistito ad un netto rallentamento della costanza di vendita di nuove TV in Italia. Si è passati infatti da circa 200.000 pezzi al mese a meno di 90.000. Per questo, il mercato si è adattato e ha ridotto i suoi numeri: ad oggi, secondo Fabrizio Marazzi di GFK il mercato dei televisori in Italia viaggia su un numero di circa 4 milioni di pezzi all’anno. Considerando i 30 milioni di apparecchi obsoleti (un numero 7 volte superiore), il mercato – sebbene avrà un’importante occasione per rialzarsi – non potrà reggere l’urto.

Cosa può succedere?

switch off dvb-t2 tv
A causa di questo grande cambiamento, il mercato riuscirà a rimanere al passo? – MeteoWeek.com

Uno degli scenari possibili è quello di dover rinunciare a possedere nelle proprie case più TV “funzionanti” per qualche anno. La cosa spaventa non solo gli utenti e i venditori, ma anche anche i broadcaster stessi: Alberto Bruno, Head of Business Strategy di Mediaset afferma infatti che, secondo le rilevazioni di Auditel, “il 45% degli ascolti è generato dalle seconde e terze TV”. Il mancato aggiornamento del “parco TV” significherà quindi perdita degli spettatori e, di conseguenza, minori introiti pubblicitari.

Bonus TV: i contributi erogati

Come riporta il sito DDay.it, finora, la campagna di comunicazione da parte del governo non è stata molto efficace e non si è tradotta nello sperato ricorso al Bonus TV da parte dei consumatori per la sostituzione del proprio televisore non compatibile con le trasmissioni MPEG-4 o DVB-T2 o nell’acquisto di un nuovo decoder. Ad agosto 2020, i dati ufficiali evidenziavano un totale di 168.000 contributi erogati (di cui soli 19.000 per decoder), equivalenti a poco più di 8 milioni di euro sui 151 milioni stanziati.


Leggi Anche:


Cosa bisogna aspettarsi dopo lo switch off al DVB-T2?

Sicuramente l’affermazione totale dell’HD e la certezza che tutte le nuove TV e nuovi dispositivi siano compatibili, in modo da evitare ogni tipo di problema. Attenzione però: dopo l’HD non dimentichiamo il 4K. Ma a questo penseremo sicuramente più avanti. Soprattutto, e questa è una certezza, non vedremo più apparecchi televisivi vecchi e ingombranti: al massimo potranno diventare un oggetto da collezione, sperando che, in futuro, possano tornare d’attualità per il loro valore in quanto “vintage”.