Il “boom” del fitness digitale a causa del Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:30

Numeri da record per le app relative a fitness e benessere, le quali hanno registrato un forte aumento degli utenti durante la pandemia da Coronavirus

fitness digitale coronavirus
Il lockdown ha costretto le persone ad allenarsi autonomamente, affidandosi a siti e applicazioni create appositamente – MeteoWeek.com

Stare in forma è sempre importante: l’attività fisica aiuta a controllare lo stress e conferisce uno stato di benessere generale. Rappresenta quindi una validissima soluzione per favorire una sensazione di completo benessere fisico, psichico e sociale, ed è inoltre fondamentale per poter raggiungere e mantenere un peso corporeo sano e per ridurre il rischio di malattie croniche. L’attività fisica è poco costosa e, con un minimo di voglia, praticabile praticamente ovunque, con diversi mezzi.

Nell’annus horribilis “dominato” dall’emergenza sanitaria causata della pandemia di coronavirus, in moltissimi hanno deciso di affidarsi a siti e applicazioni con le quali svolgere il cosiddetto “fitness digitale”. Uno dei casi più eclatanti riguarda Strava, applicazione che è ora utilizzata da ben 73 milioni di utenti. Gli sviluppatori hanno affermato che quest’anno, ogni mese, una media di due milioni di utenti si sono registrati per la prima volta. Un altro esempio, come riporta la BBC, si ha con l’app di fitness Freeletics (che ha più di 90.000 utenti nel Regno Unito), che ha registrato un aumento del 50% dell’utilizzo tra marzo e giugno, quindi durante il primo lockdown causa coronavirus.

Il Covid-19 ha offerto a molte persone l’opportunità unica di esercitarsi di più, perché, praticamente, le persone hanno poche ragioni per non farlo“, ha detto la dottoressa Charlotte Hilton, della British Psychological Society. “Se non altro, l’esercizio all’aperto offre un gradito sollievo dal trascorrere così tanto tempo al chiuso”.


Leggi Anche:


Numeri da capogiro anche per la comunità online di Les Mills (formata da oltre 184.000 membri che condividono percorsi di fitness e suggerimenti motivazionali), che ha visto un aumento del 900% delle nuove iscrizioni al suo servizio di fitness da gennaio.

In un momento in cui la salute è la massima priorità di tutti, la pandemia di Covid-19 sta inaugurando un’era in cui le persone possono allenarsi dove e quando vogliono“, ha affermato Jean-Michel Fournier, amministratore delegato di Les Mills. “Crediamo che le palestre saranno sempre l’apice delle esperienze di fitness dal vivo, e sono sicuro che tutti saranno alla disperata ricerca di allenamenti sociali una volta terminate le limitazioni. Ma il boom del fitness digitale sta aiutando ad abbattere le barriere per le persone che normalmente non si vedono in palestra, e questo è davvero emozionante”.

Estratto dalla pagina web di Les Mills Italia – MeteoWeek.com

La dottoressa Jill Owen, psicologa dello sport, come riportato dalla BBC ha dichiarato: “In un momento di incoerenza e incertezza, l’esercizio ha permesso di creare routine positive con una sana concentrazione e un senso di comunità. […] Le app hanno permesso di stare insieme, attraverso il perseguimento di obiettivi simili, l’incoraggiamento comune e la condivisione di idee”. E ha concluso affermando che “in un momento in cui la salute fisica e mentale è minacciata, il sostegno comune è stato e continuerà ad essere un’ancora di salvezza per molti“.