Addio alla radio con frequenza FM da tutti gli smartphone, dal 1 gennaio 2021

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Gli utilizzatori di radio FM su smartphone potrebbero ritrovarsi senza l’amata funzione dal 1 gennaio 2021. Sarà anche la data di cessione della produzione di telefoni muniti di questa funzionalità.

smartphone
Dal 1 gennaio 2021 non sarà più possibile acquistare smartphone con radio FM integrata. – MeteoWeek.com

Al fianco dei servizi di musica più gettonati, quali Spotify, Amazon Music ma anche YouTube, sono ancora in molti gli utilizzatori della radio FM nel proprio smartphone. Andando al lavoro, a chiunque capita di ascoltare la radio all’interno della propria auto, sia per ascoltare musica sia per restare aggiornati sulle ultime notizie, sul traffico, sul meteo e quant’altro nei canali preferiti.

La radio FM su smartphone in tal senso ha rappresentato un aggiunta estremamente gradita dagli utenti, i quali devono magari spostarsi a piedi o su mezzi pubblici e, collegando le cuffiette al proprio dispositivo, ascoltano la radio in maniera veloce ed accessibile.

Già molti smartphone tuttavia non possiedono più la radio FM come app dedicata, per scelta dei produttori di puntare sulle soluzioni via internet, decisamente più all’avanguardia. Ma entro breve, la situazione cambierà definitivamente per tutti.

Addio alla radio FM su smartphone da gennaio 2021

La notizia è che la radio FM non sarà più disponibile su smartphone dal 1 gennaio 2021, né come app dedicata né come servizio. La legge di riferimento è la 205/2017, la quale stabilisce che dal 30 dicembre 2020 non potranno più essere commercializzati smartphone con la radio FM integrata all’interno come app dedicata. A ciò si aggiunge che, dal 1 gennaio 2021, gli smartphone già in possesso della radio FM dovranno essere abilitati a ricevere i servizi DAB+.

Ciò tuttavia richiede un chip dedicato e un’antenna aggiuntiva che quasi nessun produttore ha deciso di implementare nei propri dispositivi, a causa della scarsissima richiesta. In tal senso, non sarà più possibile ufficialmente acquistare alcuno smartphone dotato di radio FM da gennaio.

I modelli già in commercio con radio FM

La situazione è logicamente diversa nel caso dei modelli già in commercio e in possesso della radio FM. In questi casi, infatti, la legge non obbliga a disabilitare la radio FM. Questo però varia in base alle decisioni dell’azienda che ha prodotto il vostro smartphone, perché potrebbe decidere di disabilitare la radio FM tramite aggiornamento di sistema o delle app di sistema.

E’ il caso di Samsung, che su Galaxy A50 ha pubblicato di recente un aggiornamento che include la disabilitazione della radio FM nel dispositivo. Anche altre aziende potrebbero seguire la decisione della multinazionale sudcoreana, tuttavia non è cosa certa.

smartphone
La decisione è contenuta in un comma della legge 205/2017. – MeteoWeek.com

Negli smartphone delle aziende che non dovessero prendere tale decisione, invece, la radio FM potrà continuare a funzionare ed essere utilizzata senza alcun problema.


Leggi Anche:


Un passo in avanti verso le radio online

La ratio della legge 205/2017 è il progressivo spostamento verso i servizi di radio online, molto più all’avanguardia e funzionali nell’utilizzo. Ciò va ad allinearsi in realtà alle decisioni già prese da molti altri Paesi.

La nuova frontiera è la tecnologia DAB, ossia la radio digitale, che promette grande innovazione. Tra le novità, la ricerca dei canali per nome, la visualizzazione di immagini correlate al canale che si sta ascoltando e la trasmissione di un autentico palinsesto in tempo reale.