Google sotto attacco di review bombing: oltre 100 milioni di false informazioni per danneggiare il suo Maps e condividere fake news

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:30

Mai come in questo periodo l’attività di contrasto alle false informazioni si è fatta serrata e i numeri di Google parlano chiaro

google 26032022 - Meteoweek.com
Indirizzi sbagliati, contatti inesistenti, orari e numeri di telefono fasulli. Ma siamo sicuri che la pagina di Google che stiamo consultando, relativa ad un’attività commerciale, sia davvero opera di un contributo imparziale ed etico degli utenti? – Meteoweek.com

Trai grandi meriti dati alla rete si può annoverare il servizio che identifica le attività commerciali, fornendo all’utente riferimenti, contatti e molto altro. Google in questo è decisamente tra le prime società a fornire un sistema molto solido ed affidabile, ma nonostante la sua politica sia basata su un regolamento ferreo e strumenti preventivi e gestionali tra i più interessanti, non è assolutamente priva di criticità e lacune.

E proprio all’interno di questa categoria che si trovano tutta una serie di false informazioni che spesso causando problematiche non solo alle aziende, ma anche agli utenti.

Ma la fenomenologia che riguarda le attività mirate a danneggiare le diverse realtà che dispongono di una vetrina sul web è ricca e controversa, e in essa esiste un particolare fenomeno chiamato review boming. Ed è proprio basandosi sulla lotta che contrasta tale insensata attività che si è mobilitata l’azienda di Mountain View.

Come Google ha deciso di contrastare i fenomeno e cosa è emerso dai rapporti sulle attività false perseguite la volontà di danneggiare gli esercenti

maps google 26032022 - Meteoweek.com
Doveroso da parte dell’azienda l’intervento che è stato in grado di eliminare dal sistema una quantità impressionante di dati fasulli e fuorvianti – Meteoweek.com

Sono le parole di Pavithra Kanakarajan, Group Product Manager, User Generated Content di Google a raccontarci come si è sviluppata l’attività di verifica e monitoraggio, che si basa fondamentalmente sull’intelligenza artificiale e l’algoritmo machine learning. Sono questi strumenti che hanno permesso all’azienda di contrastare un fenomeno molto articolato. E i risultati condivisi sono stupefacenti in termini di volumi.

In tutto il 2021 il team che si occupa di questo settore ha bloccato oltre 100 milioni di modifiche errate. Vengono annoverate tra queste anche le foto, oltre che le descrizioni ed infine gli orari di apertura delle diverse attività. Ma il loro lavoro non si è limitato a questo. Sono infatti stati in grado di rimuovere più di 7 milioni di falsi profili aziendali. Di cui 630.000 sono stati segnalati dagli attentissimi utenti del motore di ricerca. Non è andata loro male neanche nel comparto dei finti account aziendali. Qui i numeri parlano di quasi 8 milioni, utilizzati in malafede per chissà quali scopi criminali.

Il sistema delle recensioni inoltre si è visto oggetto di un’importante azione sanatoria. Google infatti si è concentrata sull’eliminazione dei commenti violenti e non rispettosi del codice etico della società, nonché dei termini d’uso dei suoi prodotti. D’altronde la lotta al fenomeno del review boming è diventata sempre più raffinata, andando a contrastare non solo le canoniche frasi d’odio e aggressività, ma anche tutto il filone che ha riguardato il tema calda degli ultimi 2 anni, ovvero il Covid. Con 60.000 recensioni finte legate ad esso è sicuramente diventato un argomento di rivalsa molto importante.