Esiste un’alternativa a Kaspersky? Ecco qui come rimuoverlo dal PC e sostituirlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00

Kaspersky pare che sia un problema in questi giorni, quindi in molti stanno cercando un metodo sicuro, ma allo stesso tempo rapido, per poterlo sia disinstallare che rimpiazzare con un servizio decisamente migliore. Ma chi può aiutarci in questa missione che, apparentemente, sembra essere impossibile? Scopriamolo subito.

Esiste un'alternativa a Kaspersky? Ecco qui come rimuoverlo dal PC e sostituirlo
L’antivirus di Kaspersky, oramai, sarà un servizio sempre meno usato per ovvie ragioni – MeteoWeek.com

Kaspersky, come sappiamo, è il noto antivirus realizzato da una azienda russa da anni leader nel settore della cyber sicurezza. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Sicurezza Nazionale, cioè Franco Gabrielli, ha chiesto la dismissione di Kaspersky dai server della Pubblica Amministrazione per via di rischi inevitabili per la sicurezza digitale.

E se per questo motivo vorremmo trovare un modo efficiente per poter rimuovere il servizio dal proprio computer, sostituendolo magari con uno migliore, quale sarebbe la scelta migliore da intraprendere per farlo? Niente paura, perché pare che sia sufficiente seguire la guida esposta da Andrea Marchi, nonché  un esperto di cybersecurity di Rödl & Partner. Cosa ci dicono i suoi consigli?

I suggerimenti da seguire per avere un buon antivirus

Esiste un'alternativa a Kaspersky? Ecco qui come rimuoverlo dal PC e sostituirlo
Scegliere un buon antivirus è essenziale per poter proteggere al meglio il sistema del PC e i dati sensibili che ci appartengono – MeteoWeek.com

Per cominciare mette in chiaro – fin da subito – alcune parti importanti della questione, volendo dare inizio al suo discorso in maniera leggera: “Qualora si decida di passare ad un’altra soluzione di protezione antimalware diversa da Kaspersky è importante accertarsi che non vi sia ancora il software presente sul dispositivo in fase di installazione del nuovo prodotto”.

Poi va avanti con l’argomento, spiegando come sia possibile fare a meno del prodotto in questo modo“La disinstallazione va fatta utilizzando il tool proprio del prodotto, durante questa fase, occorre prestare molta attenzione a rimuovere qualsiasi traccia della precedente installazione. Meglio non scegliere la cosiddetta rimozione ‘light’ che viene proposta alcune volte, poiché lascia inalterati alcuni file di impostazione, configurazione o chiavi di licenza”

E poi, dopo aver completato la disinstallazione di Kaspersky dal proprio PC, potremo procedere con l’installazione di una nuova soluzione antivirus, la quale dovrà essere “seguita dall’immediato aggiornamento delle definizioni antivirus/antimalware e da una scansione completa e per quanto più possibile approfondita del sistema”.

In ogni caso, per proteggersi contro le minacce informatiche è necessario seguire tre elementi fondamentali che dobbiamo tenere assolutamente a mente: Efficienza, Capacità e Scalabilità. L’antivirus scelto, infatti, deve essere efficiente e poter contare su aggiornamenti costanti, in aggiunta il software deve avere elevate capacità di scansione e rilevamento utilizzando strumenti avanzati per individuare le minacce. Se serve, deve anche dimostrarsi in grado di estendere la protezione anche ad altri dispositivi circostanti.

Quindi, seguendo questi suggerimenti, è probabile che riusciremo a trovare proprio quello che stiamo cercando. In fondo non escludiamo la possibilità che sia sempre stato disponibile, ma è anche vero che prima o poi bisogna cambiare aria. Kaspersky, oramai, diventerà una ruota di scorta tranquillamente evitabile per ognuno di noi, di conseguenza facciamocene una ragione.