Black Friday? Non per tutti, c’è chi non aderisce

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30

Alcune start up e brand di nicchia vanno controtendenza: il giorno del Black Friday rimarranno chiusi o devolveranno tutto il ricavato in beneficienza. Il motivo? Lanciare il messaggio che bisogna consumare meno e meglio se vogliamo salvare il pianeta.

Acquisti online: quanto siamo influenzati dai social? – MeteoWeek.com

Non ci sono molte alternative per fermare il cambiamento climatico e diminuire l’impatto umano sul pianeta: l’unico modo è cambiare le nostre abitudini di acquisto. Ne sono convinti i brand che hanno aderito alla campagna “Don’t Black Out The Future” e hanno deciso di non aprire i propri store il 26 Novembre oppure devolvere gli introiti della giornata a progetti sociali.

“Buy Less, Choose Well, Make it Last”

L’idea di consumo sostenibile è racchiusa in questa frase di Vivienne Westwood ed è fonte di ispirazione per tutti i brand che decidono di seguire questi principi. C’è chi si muove già da tempo, come il marchio Oway che dal 2013 ha sostituito i contenitori di plastica dei suoi cosmetici con altri più sostenibili in vetro e alluminio. Il 26 novembre chiuderà i propri store fisici e bloccherà l’e-commerce.

LEGGI ANCHE: Bill Gates combatte per l’ambiente, presentando i suoi piani per prodotti eco sostenibili

Strategia diversa per il brand di streetwear ANTI-DO-TO che ha deciso di devolvere tutti i profitti, che arriveranno dalla vendita online dei suoi capi dal 26 al 29 novembre, alla produzione e all’invio di skate all’Haramba Skatepark. Inoltre verrà finanziato un corso di skate per i giovani . Lo Skatepark è stato progettato e creato per i ragazzi di Gaza dalla NGO Gaza Freestyle grazie al contributo del marchio italiano.

Infine, c’è chi invita a ricorrere alla economia circolare. E’ il caso del marchio svizzero Feitag, che produce borse in teloni riciclati e ha deciso di chiudere i suoi store fisici e online durante il Black Friday, invitando i suoi clienti a preferire lo scambio di beni usati. Iniziative simili saranno prese anche da Brompton, precursore delle biciclette pieghevoli, che offrirà il noleggio gratuito di una bicicletta e da Flamingos Life, che chiuderà il suo negozio online.

Anche iniziative a lungo termine

Ma c’è anche chi sceglie di portare avanti le sue idee e cambiare il suo modo di agire per tempi molto più lunghi. Ha deciso di seguire questa strategia Reborn Ideas, social commerce community che produce beni secondo i principi dell’upcycling, recycling e del riciclo creativo, che per un mese lancia un Clean Friday quotidiano. Infatti, basterà andare sui suoi profili social per donare ciò che si desidera a The Ocean Cleanup, fondazione che studia sistemi per rimuovere la plastica dagli oceani.

Lo scopo di questa iniziativa è spiegato da Maurizio Mazzanti, co-founder di Reborn Ideas: “Con il nostro Clean Friday vogliamo portare un supporto concreto a una realtà importante come The Ocean Cleanup e dimostrare che i social network possono essere uno strumento importante nella diffusione di azioni positive.

inquinamento giornata della terra
In occasione della Giornata della Terra, del 22 aprile, molte big del settore tech hanno dato il via ad alcune iniziative green. – MeteoWeek.com

LEGGI ANCHE: Perché acquistare un prodotto ricondizionato può aiutare l’ambiente

I social network, prima di essere una somma di algoritmi, sono le persone che li frequentano”. E’ proprio tramite i social, infatti, che tutte queste iniziative vengono diffuse e conosciute. Anche aderire non è mai stato così semplice tramite le pagine social dei vari brand.