Sta per tornare l’iPod? ripercorriamo insieme la sua ascesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30

Le gioie e i dolori che hanno segnato una parte importante per l’industria musicale: l’iPod di Apple, amato e odiato, sta per tornare?

Ascesa e dolori di iPod – MeteoWeek.com

iPod. La grande scommessa di Apple, partita con il carico da cento e arrivata al culmino solo anni dopo, ta forse per tornare? Così pare, ma è un progetto top secret che, forse, vedrà la luce nel 2022, e nettamente diverso dall’iPod che tutti noi conosciamo. Era il 2001 e New York, appena traumatizzata dall’attacco terroristico che tutti ricordano, stava cercando di rimettere insieme i pezzi. Poco meno di 5.000 chilometri dalla Grande Mela, un’altra mela, fremeva di ansia e novità in arrivo. Steve Jobs, occhiali, animo gentile e lupetto nero, dal palco di presentazione di Apple, annuncia il nuovo prodotto dell’azienda di Cupertino. Esatto, proprio il primo iPod, spesso, unico. La frase iconica per presentarlo: “Tutti noi amiamo la musica ed è importante fare ciò che si ama, sempre”.

LEGGI ANCHE: Google Foto si affida ad Apple per le foto più sensibili, specie su iPhone

Il nuovo prodotto si chiama iPod, ed è un lettore musicale digitale delle dimensioni di un pacchetto di sigarette, che dimostra fin da subito le sue qualità all’avanguardia. 1000 brani musicali per 5 GB, ch all’epoca era una memoria veramente enorme, e fin da subito promette guerra all’MP3, già in voga da qualche tempo. Con iPod la musica diventa liquida, accessibile, potenzialmente illimitata e ancora più portatile. Apple lancia questo prodotto in un momento molto buio della sua azienda, in quanto le vendite dei macBook sono irrisorie e l’inizio di iPod non è dei migliori.Arriva sul mercato americano al costo di 399 dollari, che per quel momento porta solo sconcerto nei compratori (avremmo mai immaginato prezzi superiori come quelli di ora?) .Il prodotto è considerato superato prima ancora di essere immesso sul mercato. Nel 2003, la nascita di iTunes Store segna un punto di svolta, perchè rende iPod UNICO. Gli utenti hanno ora la possibilità di acquistare al prezzo di 0,99 dollari ciascuno circa 200mila brani digitali, anche se la maggior parte tende a scaricarli tramite YouTube, illegalmente. Negli anni avere un iPod diventa uno status symbol, intere generazioni hanno cominciato a personalizzarlo, sono usciti diversi colori e edizioni diverse tra loro, fino ad eliminare totalmente i tasti e arrivare a tutto schermo.

LEGGI ANCHE: Le iniziative eco green di Apple: dopo Gates, anche l’azienda di Jobs si mostra ecosostenibile

Uno status symbol, fino all’arrivo di iPhone. Da lì, avere un iPod, non sarà più una necessità, in quanto verrà surclassato dalle app come Spotify e Apple Music, che danno la possibilità di avere tutta la musica che si vuole a portata di mano, senza dover usare iTunes per immetterla nel prodotto. Fino ad ora. Nei mesi scorsi infatti sono circolati diverse voci in merito ad un ritorno sussurrato per ora, solo negli Head Quarter di Apple. L’azienda starebbe per lanciare una nuova generazione di  iPod Touch , con periodo di lancio previsto per il 2022. Non sarebbe però come ci aspettiamo: infatti, dovrà adattarsi alle nuove tecnologie, e si parla di integrarlo ad un visore di realtà virtuale. Siete pronti?