Nuova truffa COVID19 su Whatsapp! Fate attenzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:46

Arriva una nuova truffa su WhatsApp. A sto giro c’entra il Covid. Ecco come riconoscerla e come difendersi. 

Ennesima truffa su WhatsApp. Stavolta c’entra il Covid – MeteoWeek.com

WhatsApp fa parlare ancora una volta si sé. Non per aggiornamenti, nuove funzionalità o un ennesimo down storico, ma per le truffe. Pur trattandosi del miglior servizio di instant messaging a oggi disponibile, aumentano sempre di più i pericoli e le insidie.

C’è chi infatti, dall’altra parte dello schermo, è pronto a truffare gli utenti meno accorti, sfruttando anche la pandemia e diffondendo nelle chat fake news su vaccini e Green Pass.

Come spesso accade, la truffa sta proprio nel link contenuto nei messaggi. Si tratta di porzioni di codice che, una volta cliccati, attivano servizi a pagamento o si impossessano di dati sensibili.

La truffa del Green Pass

Falsi link invitano a scaricare la certificazione, ma sono studiati per entrare in possesso di dati personali e prosciugare il credito.

Raccomandiamo, anche se ci sembra abbastanza ovvio, di controllare la provenienza dei messaggi e se ci fosse anche solo un dubbio a riguardo, eliminarli senza pensarci due volte.

Anche la stessa Polizia Postale mette in guardia i cittadini sul raggiro via WhatsApp sulla Certificazione Verde, tornato in voga dopo che il governo Draghi ha introdotto l’obbligatorietà del certificato per accedere a numerosi servizi.

LEGGI ANCHE: “la mia carta di credito è scaduta, posso usare la tua?” la nuova terrificante quanto educata truffa WhatsApp

Come riconoscere la truffa

Il testo del messaggio su WhatsApp dice: “In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass COVID-19 che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina”.

Una volta cliccato il link, l’utente accede a una finta pagina istituzionale dove ci sono loghi contraffatti molto simili agli originali. Nella pagina viene chiesto di inserire i propri dati personali e bancari, utilizzati poi con scopi fraudolenti. Ma non sono solo le truffe su WhatsApp a preoccupare, ma anche quelle via mail. E che dire dei falsi Green Pass venduti sul dark web per cento euro?

Per tutte le informazioni riguardo il Covid, i contagi e il corretto utilizzo del Green Pass, rimandiamo al sito ufficiale del Ministero della Salute, la fonte più sicura su cui informarsi.

La raccomandazione è dunque quella di scaricare il certificato solo in uno dei metodi ufficiali dichiarati dal governo e di diffidare dai messaggi WhatsApp.

LEGGI ANCHE:WhatsApp, occhio al messaggio truffa sul Green Pass: l’avviso della Polizia Postale

Il messaggio vero e sicuro è sempre e solo questo

Ricordiamo che il testo dell’sms con il certificato dice: “Certificazione verde Covid-19 di **** disponibile. Usa AUTHCODE ************ e Tessera sanitaria su www.dgc.gov.it o App Immuni o attendi notifica su App IO”. Qualsiasi altro messaggio ritenuto sospetto deve essere segnalato sul portale della Polizia postale al seguente indirizzo: www.commissariatodips.it.

La Polizia postale ha lanciato un’allerta nazionale, ricordando ai cittadini che “I codici e le indicazioni vere arrivano solo dal ministero. Non bisogna mai fidarsi dei messaggi sospetti e soprattutto fare molta attenzione ai link che vanno aperti solo ed esclusivamente averne accertato la veridicità della fonte di provenienza”.