Bufale su vaccini e Covid:al vaglio 500 siti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:49

La ricerca condotta da NewsGuard ha aperto un vaso di pandora, mettendo allo scoperto 519 siti contenenti false informazioni

ai
Siamo certi che tutto ciò che leggiamo sia vero? È questa la prima domanda che dobbiamo rivolgerci, specialmente se non conosciamo la fonte – MeteoWeek.com

L’azienda fondata da Steven Brill e L. Gordon Crovitz nel 2018 ha reso noto uno studio che mette in luce un sottobosco di siti e pagine molto diverse tra loro ma contraddistinte da un elemento comune: diffondere fake news riguardanti il covid-19 e il vaccino.

Secondo la ricerca, il dato rilevato dagli analisti sarebbe decisamente allarmante. 519 sarebbero i siti che, in base ai criteri di autenticità e validità scientifica, sarebbero stati bollati come portatori di false notizie.

LEGGI ANCHE: Google crea la Covid Card, una versione personale del Green Pass

Andando ad analizzare la dislocazione della disinformazione troveremo in cima alla classifica gli scontatissimi Stati Uniti con 339 pagine fake, seguiti dalla Francia con 59, un ex equo tra Italia e Germania con 41-42, e in coda il Regno Unito con sole 21.

NewsGuard mette in guardia sopratutto i fornitori e le aziende

whatsapp bufala covid
Su WhatsApp sta circolando una bufala sul numero di morti da COVID “gonfiato” per guadagnare un fantomatico “bonus”. – MeteoWeek.com

Attraverso la pagina della Centro di monitoraggio della disinformazione sul coronavirus di NewsGuard è possibile seguire la diffusione e il propagare delle fake news. Le liste, rese disponibili su richiesta, contengono tutti quei siti che pubblicano contenuti falsi in tema di salute, quelli che strumentalizzano politicamente le varie teorie complottiate, e quelli che mirano proprio a diffondere mitiche improbabili argomentazioni sul virus. Tra le bufale segnalate le più curiose sono:

  • ipotesi sull’interazione tra candeggina e argento colloidale come cura preventiva
  • fantascientifiche variazioni del DNA umano a seguito dell’inoculazione del vaccino
  • affermazioni sull’inutilità del distanziamento sociale nonché dell’uso delle mascherine per prevenire e ridurre la diffusione del virus

Ma oltre alle infondatezze scientifiche un altro aspetto allarmante salta subito all’occhio. Ovvero spesso i contenuti sono “finanziati” da chi invece si impegna ogni giorno a combattere ignoranza e pregiudizio. Non passa inosservato che gli inserzionisti possano non essere consapevoli che i propri banner pubblicitari finiscano in questi canali. Parliamo di case farmaceutiche produttrici di vaccini, reti ospedaliere e anche i Centers for Disease Control and Prevention statunitensi.

Ed è solo grazie al sodalizio tra NewsGuard, Big tech come Microsoft e una rete di più di 700 biblioteche pubbliche che questo meccanismo comincia lentamente a vacillare e a far emergere un sistema, per così dire, di “buoni e cattivi”.

LEGGI ANCHE: Twitter, se scrivi 5 post contenenti fake news sul vaccino Covid sei out

Certo è che i dati diffusi non fanno che alimentare il polverone che da sempre ha contraddistinto la società di Crovitz. Il CEO, spesso interrogato su come fosse possibile mantenere un atteggiamento non censorio e garantire un’informazione che fosse più liberale e garantista possibile, ha sempre tenuto a sottolineare che ci sia un dialogo costante tra i fornitori e la sua azienda. Ma questo modus operandi, tuttavia, non mette ugualmente tutte le parti d’accordo.