Da Marte ci arriva in dono l’ultimo selfie scattato dalla sonda cinese Zhurong davvero stupendo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:44

“Saluti da Marte”. Ecco il selfie del rover cinese Zhurong atterrato sul pianeta rosso il 15 maggio scorso. 

ll primo selfie su Marte del rover cinese Zhurong – MeteoWeek.com

Siamo ormai abituati a vedere le splendide immagini di Marte, ma l’autoscatto di chi quel pianeta lo sta vivendo veramente, ci fa sempre emozionare.

Prima i rover della NASA Perseverance e Curiosity, ora tocca al rover cinese Zhurong concorrere per la conquista dello spazio.

Stiamo parlando del rover trasportato dalla navicella spaziale Tianwen-1, atterrata lo scorso maggio dopo aver stazionato tre mesi in orbita attorno al Pianeta Rosso.

LA FOTO DI FAMIGLIA

Il “Dio del fuoco”, traduzione del nome del rover Zhurong, dopo aver lasciato la piattaforma di atterraggio, ha posizionato una telecamera wireless rimovibile, ponendola circa 10 metri per poi tornare indietro e fare una foto con tutti i membri della famiglia. Sia l’orbiter che il rover mostrano piccole bandiere cinesi e in particolare il lander ripropone la mascotte delle Olimpiadi invernali e le Paralimpiadi di Pechino 2022.

LEGGI ANCHE:La Cina non si ferma e crea un Ingenuity tutto suo: così inizia la sua scalata verso Marte alle calcagna della NASA

La China National Space Administration ha mostrato gli scatti durante una cerimonia a Pechino. Dalle foto si può vedere chiaramente la zona di ammartaggio e il tipico paesaggio marziano. In un’ immagine scattata da Zhurong si vede anche la piattaforma di atterraggio.

Interessante inoltre il post ufficiale dell’agenzia spaziale cinese che ha condiviso gli scatti commentando: “Utenti di Internet, le immagini di Marte che stavate aspettando sono qui”.

La buona riuscita dell’atterraggio e dei movimenti della sonda è stata possibile anche grazie alla giusta previsione della densità e alle dimensioni delle rocce poste sul sito di atterraggio. Una missione, quella cinese, che è riuscita a combinare viaggio, ingresso in orbita e discesa tutto in una volta sola. Risultato ottenuto grazie alla capacità ingegneristica e ai numerosi test condotti sulla terra riproducendo fedelmente tutte le caratteristiche del territorio marziano.

I media ufficiali, riportando le parole degli ingegneri, hanno spiegato che l’apertura del paracadute per rallentare la discesa e il dispiegamento del carrello di atterraggio hanno rappresentato “la parte più difficile della missione”.

Un overview di Zhurong e la sua piattaforma a propulsione

 

LEGGI ANCHE: Le esplorazioni italiane su Marte continuano: ecco il video del rover all’opera sul Pianeta Rosso

DOVE SI TROVA ZHURONG?

Zhurong si trova su Utopia Planitia e l’agenzia spaziale cinese ha previsto che la durata della missione sarà di 90 sol (giorni marziani) durante i quali seguirà il tempo metereologico, studierà la geologia e svolgerà altri compiti come una sorta di scienziato robotico. Il rover ha uno strumento laser per l’analisi delle rocce e un radar per analizzare il ghiaccio nel sottosuolo. Una volta ultimata la missione, il rover invierà le informazioni alla sonda Tianwen-1 in orbita intorno al pianeta rosso che li trasmetterà a sua volta a Terra.

A questo proposito è giusto ricordare che la Cina è il secondo Paese al mondo a far funzionare un veicolo spaziale su Marte, dopo gli Stati Uniti. Alto circa 1,85 metri, Zhurong è significativamente più piccolo del rover Perseverance degli Stati Uniti ed è programmato per funzionare per 3 mesi, con l’obiettivo di trasmettere fotografie e dati, panorami e dettagli, del suolo e dell’orizzonte di Marte.