Attacco hacker a Tim: utenti a rischio dati e addebiti sul loro credito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03

Gli attacchi hacker, che stanno vedendo protagonista l’Italia in questo periodo, sembrano non avere finire. Se prima è toccato ad alcune parti della nostra nazione, in questo caso a fare i conti è proprio la TIM.

Attacco hacker a Tim: utenti a rischio dati e addebiti sul loro credito
Un nuovo attacco hacker si è verificato, questa volta, verso i sistemi della TIM. Il motivo è tutt’ora sconosciuto – MeteoWeek.com

Il colpo pare che sia venuto da terze parti non meglio identificate, e non sappiamo nemmeno se siano gli stessi di pochi giorni fa. Abbiamo assistito a degli attacchi hacker già in precedenza con la Regione Toscana e con il Piemonte. Nonostante si pensava che non si fermassero, nessuno credeva che sarebbero stati rivolti alla TIM.

Un attacco decisamente inaspettato e che ha sicuramente lasciato un segno indelebile sull’azienda in questione. TIM ha comunque sia effettuato numerose analisi in merito, preoccupandosi che i dati della sua stessa utenza non venissero danneggiati dagli hacker.

La risposta dell’azienda

Attacco hacker a Tim: utenti a rischio dati e addebiti sul loro credito
Tra i timori più grandi dell’azienda, si pensava probabilmente che gli hacker potessero rubare i dati per effettuare dei pagamenti illeciti. Fortunatamente, questo, non è avvenuto – MeteoWeek.com

Aveva reso noto di aver rilevato delle attività anomale nei propri sistemi. Infatti, si temeva che potessero distruggere dei dati o pubblicare le credenziali di accesso dei clienti, di conseguenza è stato necessario correre subito ai ripari.

LEGGI ANCHE: 100mila utenti privati dei loro dati: un attacco hacker di grandi dimensioni, T-Mobile sulle loro tracce

TIM, perciò, ha inviato una e-mail a molti dei suoi utenti per informarli di quanto sta accadendo e sui relativi controlli di sicurezza che sta effettuando. Ciò che rassicura principalmente i clienti, è che non sono state intaccate le funzioni di pagamento. Tuttavia, a causa di questo problema, TIM sarà costretta a disattivare le credenziali che vengono utilizzate per alcuni servizi, come TIM Party o TIM Personal.

In seguito, nel messaggio di comunicazione, viene consigliato anche di cambiare gli accessi e di aggiornare sia lo smartphone che il PC. È stato raccomandato inoltre di utilizzare un Anti-Virus efficace, oltre che di non usare le stesse credenziali per altri servizi; è doveroso cambiare continuamente la password per evitare furti di account.

Le nuove direttive

Attacco hacker a Tim: utenti a rischio dati e addebiti sul loro credito
Gli esperti nel campo dell’informatica dell’azienda hanno provveduto a massimizzare le protezioni del sistema. Il fine è quello di impedire un nuovo attacco hacker – MeteoWeek.com

TIM, dunque, ha affermato che i clienti contattati dovranno cambiare password al loro primo accesso all’area privata MyTIM per questioni di sicurezza. Viene consigliato di non inserire la vecchia combinazione alfanumerica e di modificare totalmente la password. Questo perché potrebbe essere stata oggetto del data breach, cioè una effettiva violazione dei dati personali dei clienti.

LEGGI ANCHE: Attacco hacker, mai visto uno così grande: rubati 600 milioni di dollari

L’azienda ha anche ricordato un dettaglio importantissimo. È molto probabile che, alcune credenziali compromesse, possano essere usate per accedere a dei servizi online a cui il cliente è registrato. Pertanto, TIM, ha segnalato la questione al Garante Privacy ed ha invitato i suoi utenti a contattare l’operatore del suo servizio clienti al numero 187.

Infine, l’azienda ha rassicurato la sua community sostenendo di aver rafforzato le difese e di aver già contattato le autorità competenti. Afferma che non si verificheranno più problemi di questo tipo, e che i dati coinvolti non contengono informazioni utili sulle funzioni di pagamento.