ByteDance: ora l’intelligenza artificiale di TikTok si può acquistare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25

L’intelligenza artificiale di TikTok non è più un segreto, anzi, ora è sul mercato aperto e può essere acquistata da chiunque.

TikTok mette in vendita la sua intelligenza artificiale – MeteoWeek.com

La società madre di TikTok, ByteDance, si sarebbe lanciata nella vendita dei suoi software di Intelligenza Artificiale (AI).

Il Financial Times ha appreso che la società madre ha lanciato silenziosamente una divisione BytePlus che vende la tecnologia TikTok, incluso l’algoritmo di raccomandazione.

Fra cui si annoverano già l’app per la moda americana Goat, il software per i viaggi WeGo (con sede a Singapore), l’app di shopping indonesiana Chilibeli e la piattaforma per il social gaming indiana GamesApp.

I clienti possono anche acquistare tecnologia di visione artificiale, effetti in tempo reale e traduzioni automatizzate, tra le altre funzionalità.

BytePlus ha debuttato a giugno a Singapore, con uffici anche a Hong Kong e Londra. La società sta cercando di registrare un marchio negli Stati Uniti, anche se una recente legge cinese vieta a servizi e tecnologie del Paese di essere vendute all’estero, senza una autorizzazione.

LEGGI ANCHE: TikTok registrerà volto e voce di chi li utilizzerà: grande scontro per violazione privacy e dati biomedici

Ci sono già delle offerte

Altre app hanno approfittato della vendita – MeteoWeek.com

BytePlus ha già diversi clienti che stanno sfruttando l’AI di TikTok.

L’app di moda americana Goat, ad esempio, sta già utilizzando il codice BytePlus, così come la società di shopping online indonesiana Chilibeli e il sito di viaggi WeGo.

Il Financial Times spiega che l’azienda sta ora proponendo l’algoritmo ad altre aziende, con la possibilità di personalizzarlo in base all’app dove sarà usato.

Quindi a seconda del tipo di contenuto, delle impostazioni dell’app e delle preferenze degli utenti, altre aziende potranno creare il flusso di video che tiene gli utenti di TikTok incollati allo smartphone.

Inoltre, BytePlus offre traduzione di discorsi e testi in automatico, gli effetti video in real-time e l’analisi dei dati che hanno permesso a TikTok di emergere nel complicatissimo mercato dei social network.

L’interesse intorno al software è alto perché consente di personalizzare l’esperienza utente nel dettaglio.

LEGGI ANCHE: Viola, la chef toscana che spopola su TikTok con la sua cucina antispreco

In cosa consiste l’AI tanto richiesto

L’intelligenza artificiale ha saputo attrarre tantissimi utenti verso l’app di TikTok. Basti pensare che nell’anno 2020, nonostante il ban di Trump (terminato da Biden a giugno), il social ha superato i 100 milioni di utenti negli Stati Uniti. In Italia sono 5,4 milioni le persone che utilizzano la piattaforma.

In cosa consiste la vendita – MeteoWeek.com

Su TikTok, tali capacità tanto richieste sono visibili nel feed principale dell’app di video brevi, chiamato For You Page o Fyp.

Questo offre un‘esperienza su misura, che può variare notevolmente da un utente all’altro. Diversi colossi digitali propongono soluzioni di AI simili. Tra questi Amazon Web Services, Google, Ibm e Microsoft sono i principali, così come le connazionali di ByteDance, Alibaba, Baidu e Tencent.

L’algoritmo di TikTok permette di suggerire video da vedere in sequenza ed è uno dei motivi principali del grande successo della piattaforma.

Il servizio infatti permette di mostrare video coerenti con le preferenze degli utenti ma suggerendo nuovi contenuti che potrebbero piacere.

L’azienda ha spiegato che le raccomandazioni sono basate sui video con cui interagite. Mi piace, condivisioni, commenti. Ma anche sui sottotitoli del video e gli hashtag utilizzati oltre che il dispositivo su cui mostrarli, le preferenze della lingua e la geolocalizzazione.

Tra le tecnologie in vendita c’è quella di visione artificiale dell’app, gli effetti video in tempo reale, la traduzione automatica di funzioni di testo e voce e alcuni strumenti per l’analisi e la gestione dei dati.

I clienti possono adattare tali operazioni per singoli contesti, come il suggerimento di abiti derivato non solo dagli acquisti precedenti ma anche dalle altre operazioni effettuate nell’app, come il tempo di permanenza in certi menu e categorie.